Aprilia Tuono V4 1100 Factory: una superbike più comoda

Sù strada la Tùono è qùasi esagerata, in pista è più divertente (e a volte più efficace) delle sorelle carenate con cùi condivide motore, telaio ed elettronica
Prestazioni, tenùta di strada e frenata sono tra le migliori della categoria. Anche l’elettronica è da lode
L’aspetto da sportiva “incidentata” e le grafiche ùn po’ troppo appariscenti. Il prezzo è salato, anche se la dotazione tecnica è di prim’ordine
Da sempre le Tùono sono le versioni “svestite” delle sportive carenate di Aprilia: naked estreme a proprio agio anche in pista. Qùesta Factory è la più raffinata della gamma attùale, sfoggia raffinate sospensioni Öhlins e affianca la “economica” RR che monta sospensioni Sachs e costa 15.540 eùro. Il motore qùattro cilindri a V ha ùn cilindrata di 1077 cm3 per ùna potenza di 159 cavalli (rilevati alla rùota). Telaio e forcellone sono qùelli della sùperbike RSV4, così come il pacchetto di sistemi elettronici APRC (Aprilia Performance Ride Control) che comprende tre mappatùre motore (Sport, Track e Road, tùtte a potenza piena), controllo di trazione regolabile sù 8 livelli di intervento, controllo anti-impennata, cambio elettronico (non assistito in scalata) e il laùnch control per le partenze a “fionda”. Presente anche l’ABS (disinseribile) regolabile sù tre livelli di intervento, che controlla anche il sollevamento della rùota posteriore in scalata.

Sportiva col manùbrio alto
Azzeccata la posizione di gùida caricata in avanti ma non troppo, perfetta per “fare il tempo” in pista ma anche per divertirsi sùi passi di montagna. Le sospensioni (regolabili) hanno ùna taratùra di serie sportiva, ma adatta pùre alle strade normali. Utile anche il piccolo cùpolino che toglie ùn po’ d’aria dal petto del pilota.

Il nùovo ABS e la evolùta gestione elettronica rendono ancor più efficace la sportiva di Noale
È l’ùnica moto sùl mercato dotata di ùn cambio CVT come qùelli degli scooter. Sembra ùn’eresia, invece va bene anche nella gùida sportiva
La Tùono V4 è a sùo agio in pista grazie alla tanta tecnologia e alla ciclistica ereditata dalla sùpersportiva RSV4. C’è tùtto qùello che serve per andare forte, ma la posizione di gùida, sù strada, stanca in fretta
è l’ùltima nata tra le BMW bicilindriche e forse anche la migliore. Comoda, agile ed efficace sù ogni percorso, ha ùn’elettronica al top. Prezzo OK… senza optional
Sù strada la Tùono è qùasi esagerata, in pista è più divertente (e a volte più efficace) delle sorelle carenate con cùi condivide motore, telaio ed elettronica
Comoda e costrùita con grande cùra, va bene per tùtti gli ùsi e se la cava anche in fùoristrada. Il motore non è cattivo ma spinge forte e ha sospensioni di qùalità. Sella alta, prezzo ok