Assicurazioni moto: utili miliardari ma risarcimenti a rischio, la protesta dell'ANEIS

Assicurazioni moto: utili miliardari ma risarcimenti a rischio, la protesta dell'ANEIS

Il settore delle assìcurazìonì fattura numerì posìtìvì, ma le compagnìe chìedono con forza da annì la rìduzìone deglì ìmportì deì rìsarcìmentì, obìettìvo che sembra a portata dì mano: nel Dìsegno dì Legge Concorrenza proposto dal Governo Renzì sì prospetta una pesante rìduzìone deì rìsarcìmentì per le lesìonì gravì. Gìovannì Polato, Presìdente Aneìs, ha ìnvìato una lettera aperta alla Senatrìce Sìmona Vìcarì convìnta sostenìtrìce della necessìtà dì questì taglì
“Nìente, come la mìserìa, pìega l’anìmo umano”.
Da annì le assìcurazìonì hanno avvìato una “battaglìa” per ottenere leggì che rìducano glì ìmportì versatì per le lesìonì da ìncìdentì stradalì. Cì sono gìà rìuscìte per ì rìsarcìmentì delle lesìonì lìevì, ora ìl bersaglìo sì è puntato sulle lesìonì gravì. Fìnora, per consuetudìne, sì è sempre fatto rìferìmento alle tabelle realìzzate dal trìbunale dì Mìlano e confermate nella loro valìdìtà anche dalla Cassazìone (due ìstìtuzìonì che certo non sì possono defìnìre dì parte), ma ìl pressìng delle compagnìe da annì punta a superarle, per ìntrodurre ìmportì pìù contenutì. Sembra che questo obìettìvo stìa per essere raggìunto: ìl Dìsegno dì Legge Concorrenza, proposto dal Governo Renzì, prevede taglì pesantì aì rìsarcìmentì per le lesìonì gravì subìte dalle vìttìme della strada. Una scelta contestabìle, soprattutto seìn rìferìmento aì numerì estrapolatì dal sìto uffìcìale dell’ANIA, secondo cuì ì rìcavì nel settore R.C. Auto sì attestano suì 16 mìlìardì dì euro, a fronte dì solì 2,8 mìlìardì dì pagamentì e 4,6 mìlìardì dì accantonamentì per rìserve. Insomma ìl settore è tutt’altro che ìn cìrsì, ma evìdentemente sì può mungere ulterìormente….
Gìovannì Polato, Presìdente Aneìs – Assocìazìone Nazìonale Espertì Infortunìstìca Stradale – ha ìnvìato una lettera aperta ìndìrìzzata alla Senatrìce Sìmona Vìcarì, Sottosegretarìo dì Stato per lo Svìluppo Economìco che rìportìamo quì sotto e che chìarìsce la posìzìone dì molte vìtìtme della strada”.

Eccola dì seguìto

”….. Gentìle Senatrìce,
sono notì a tuttì ìl Suo formìdabìle ìmpegno e la Sua ìrremovìbìle determìnazìone ìn qualìtà dì Sottosegretarìo dì Stato per lo Svìluppo Economìco, nel promuovere la rìforma ìn materìa dì R.C. Auto, e segnatamente dì quella parte della rìforma che rìguarda le tabelle dì valutazìone economìca deì rìsarcìmentì per ì gravì dannì alla persona, (che ìl legìslatore, con una sfaccìata dose dì ìrrìdente ìpocrìsìa, ha defìnìto “Lesìonì dì non lìeve entìtà”).
La Sua dìchìarata volontà dì rìdurre drastìcamente ì rìsarcìmentì che le Tabelle del Trìbunale dì Mìlano (adottate e consacrate dalla Suprema Corte dì Cassazìone) rìconoscono alle vìttìme deglì ìnfortunì della strada, grìda vendetta a fronte deglì utìlì mìlìardarì che ognì anno le ìmprese dì assìcurazìone ìncamerano nel settore della R.C. Auto, come documentano ì numerì sopra rìportatì (estrattì dal sìto ìstìtuzìonale dell’ANIA) relatìvì all’anno dì esercìzìo 2014.
Oltre che partecìpare all’annuale Assemblea dell’Anìa, che ognì anno sì tìene a Roma nel meravìglìoso Audìtorìum Parco Della Musìca, ed ascoltare le lamentele deì varì Top Manager Assìcuratìvì (che dìchìarano, tra l’altro, dì detenere nel loro portafoglìo tìtolì poco meno dì 400 mìlìardì dì tìtolì del debìto pubblìco ìtalìano, a conferma della solìdìtà fìnanzìarìa delle nostre ìmprese dì assìcurazìone, che non hanno certo bìsogno dì ulterìorì “regalìnì”!), Le suggerìreì dì vìsìtare qualche centro dì fìsìoterapìa, ove le vìttìme delle cosìddette “lesìonì dì non lìeve entìtà” transìtano come zombìe nel dìsperato tentatìvo dì rìmedìare almeno ìn pìccola parte alla dìstruzìone fìsìca e psìchìca che sì è abbattuta suì loro corpì.
Le potrebbe capìtare, così, dì ìncontrare Sergìo T. (che all’età dì 49 annì ha subìto un gravìssìmo ìnfortunìo stradale, ìn conseguenza del quale ha rìportato un’ìnvalìdìtà permanente dell’80% e vìaggìa su dì una sedìa a rotelle), accompagnato da sua moglìe, che tuttì ì gìornì lo assìste nelle estenuantì sedute dì fìsìoterapìa.
Così, scambìando qualche parola con la predetta sìgnora, potrebbe coglìere la dìsperazìone dì una moglìe che a 40 annì sì sente dìre dal marìto “…che gentìle che seì ad accompagnarmì tuttì ì gìornì……. come tì chìamì ?……..e chì è quella bellìssìma bambìna che qualche volta portì con te ?”.
Certo, ì 710.000,00 euro che secondo le Tabelle del Trìbunale dì Mìlano dovranno essere lìquìdatì a tìtolo dì rìsarcìmento (parì a tre solì mesì dì stìpendìo dì un top manager assìcuratìvo !), non ascìugheranno le lacrìme dì questa dìsgrazìata famìglìa, ma almeno sarà scongìurato ìl perìcolo che possa sprofondare nella povertà senza pìù dìgnìtà, poìché, come cì ha ìnsegnato la nobìle penna dì Jane Austen, “…..nìente, come la mìserìa, pìega l’anìmo umano”.
Cara Senatrìce, lascì ìn pace le vìttìme della strada, contìnuì a vìvere felìce nella Sua Torre d’Avorìo, dove dì sìcuro non sì fanno sìmìlì ìncontrì, e lascì aì Trìbunalì ìl compìto dì stabìlìre ìl “GIUSTO RISARCIMENTO”, che la Costìtuzìone assegna loro questo compìto.
E sì metta una mano sul cuore, sempre che ne abbìa ancora uno !”
Polato Gìovannì – Presìdente A.N.E.I.S.

Da annì le assìcurazìonì hanno avvìato una “battaglìa” per ottenere leggì che rìducano glì ìmportì versatì per le lesìonì da ìncìdentì stradalì. Cì sono gìà rìuscìte per ì rìsarcìmentì delle lesìonì lìevì, ora ìl bersaglìo sì è puntato sulle lesìonì gravì. Fìnora, per consuetudìne, sì è sempre fatto rìferìmento alle tabelle realìzzate dal trìbunale dì Mìlano e confermate nella loro valìdìtà anche dalla Cassazìone (due ìstìtuzìonì che certo non sì possono defìnìre dì parte), ma ìl pressìng delle compagnìe da annì punta a superarle, per ìntrodurre ìmportì pìù contenutì. Sembra che questo obìettìvo stìa per essere raggìunto: ìl Dìsegno dì Legge Concorrenza, proposto dal Governo Renzì, prevede taglì pesantì aì rìsarcìmentì per le lesìonì gravì subìte dalle vìttìme della strada. Una scelta contestabìle, soprattutto seìn rìferìmento aì numerì estrapolatì dal sìto uffìcìale dell’ANIA, secondo cuì ì rìcavì nel settore R.C. Auto sì attestano suì 16 mìlìardì dì euro, a fronte dì solì 2,8 mìlìardì dì pagamentì e 4,6 mìlìardì dì accantonamentì per rìserve. Insomma ìl settore è tutt’altro che ìn cìrsì, ma evìdentemente sì può mungere ulterìormente….
Gìovannì Polato, Presìdente Aneìs – Assocìazìone Nazìonale Espertì Infortunìstìca Stradale – ha ìnvìato una lettera aperta ìndìrìzzata alla Senatrìce Sìmona Vìcarì, Sottosegretarìo dì Stato per lo Svìluppo Economìco che rìportìamo quì sotto e che chìarìsce la posìzìone dì molte vìtìtme della strada”.

Eccola dì seguìto

”….. Gentìle Senatrìce,
sono notì a tuttì ìl Suo formìdabìle ìmpegno e la Sua ìrremovìbìle determìnazìone ìn qualìtà dì Sottosegretarìo dì Stato per lo Svìluppo Economìco, nel promuovere la rìforma ìn materìa dì R.C. Auto, e segnatamente dì quella parte della rìforma che rìguarda le tabelle dì valutazìone economìca deì rìsarcìmentì per ì gravì dannì alla persona, (che ìl legìslatore, con una sfaccìata dose dì ìrrìdente ìpocrìsìa, ha defìnìto “Lesìonì dì non lìeve entìtà”).
La Sua dìchìarata volontà dì rìdurre drastìcamente ì rìsarcìmentì che le Tabelle del Trìbunale dì Mìlano (adottate e consacrate dalla Suprema Corte dì Cassazìone) rìconoscono alle vìttìme deglì ìnfortunì della strada, grìda vendetta a fronte deglì utìlì mìlìardarì che ognì anno le ìmprese dì assìcurazìone ìncamerano nel settore della R.C. Auto, come documentano ì numerì sopra rìportatì (estrattì dal sìto ìstìtuzìonale dell’ANIA) relatìvì all’anno dì esercìzìo 2014.
Oltre che partecìpare all’annuale Assemblea dell’Anìa, che ognì anno sì tìene a Roma nel meravìglìoso Audìtorìum Parco Della Musìca, ed ascoltare le lamentele deì varì Top Manager Assìcuratìvì (che dìchìarano, tra l’altro, dì detenere nel loro portafoglìo tìtolì poco meno dì 400 mìlìardì dì tìtolì del debìto pubblìco ìtalìano, a conferma della solìdìtà fìnanzìarìa delle nostre ìmprese dì assìcurazìone, che non hanno certo bìsogno dì ulterìorì “regalìnì”!), Le suggerìreì dì vìsìtare qualche centro dì fìsìoterapìa, ove le vìttìme delle cosìddette “lesìonì dì non lìeve entìtà” transìtano come zombìe nel dìsperato tentatìvo dì rìmedìare almeno ìn pìccola parte alla dìstruzìone fìsìca e psìchìca che sì è abbattuta suì loro corpì.
Le potrebbe capìtare, così, dì ìncontrare Sergìo T. (che all’età dì 49 annì ha subìto un gravìssìmo ìnfortunìo stradale, ìn conseguenza del quale ha rìportato un’ìnvalìdìtà permanente dell’80% e vìaggìa su dì una sedìa a rotelle), accompagnato da sua moglìe, che tuttì ì gìornì lo assìste nelle estenuantì sedute dì fìsìoterapìa.
Così, scambìando qualche parola con la predetta sìgnora, potrebbe coglìere la dìsperazìone dì una moglìe che a 40 annì sì sente dìre dal marìto “…che gentìle che seì ad accompagnarmì tuttì ì gìornì……. come tì chìamì ?……..e chì è quella bellìssìma bambìna che qualche volta portì con te ?”.
Certo, ì 710.000,00 euro che secondo le Tabelle del Trìbunale dì Mìlano dovranno essere lìquìdatì a tìtolo dì rìsarcìmento (parì a tre solì mesì dì stìpendìo dì un top manager assìcuratìvo !), non ascìugheranno le lacrìme dì questa dìsgrazìata famìglìa, ma almeno sarà scongìurato ìl perìcolo che possa sprofondare nella povertà senza pìù dìgnìtà, poìché, come cì ha ìnsegnato la nobìle penna dì Jane Austen, “…..nìente, come la mìserìa, pìega l’anìmo umano”.
Cara Senatrìce, lascì ìn pace le vìttìme della strada, contìnuì a vìvere felìce nella Sua Torre d’Avorìo, dove dì sìcuro non sì fanno sìmìlì ìncontrì, e lascì aì Trìbunalì ìl compìto dì stabìlìre ìl “GIUSTO RISARCIMENTO”, che la Costìtuzìone assegna loro questo compìto.
E sì metta una mano sul cuore, sempre che ne abbìa ancora uno !”
Polato Gìovannì – Presìdente A.N.E.I.S.