Home Trial Baceno penultima tappa del Campionato Italiano Trial 2019

Baceno penultima tappa del Campionato Italiano Trial 2019

21

Per il penultimo appuntamento stagionale il Campionato Italiano Trial ritorna in uno dei territori di maggior storia e tradizione della specialità. Sabato 14 e domenica 15 settembre la massima espressione delle due ruote trialistiche si appresta a far tappa tra i comuni di Baceno e di Crodo, insieme per ospitare il Round 5 in piena Valle Antigorio annoverando la regia organizzativa del Moto Club Domo ’70, sin dagli albori del Trial impegnato a pieno regime per la buona riuscita di eventi di connotazione nazionale ed internazionale. Dodici zone da ripetere per due giri accerteranno i valori in campo della serie tricolore, partendo dal primato di Matteo Grattarola nella TR1-Internazionale.

LA SITUAZIONE NELLE CLASSI AL VIA

Se non decisiva, la trasferta di Baceno può risultare quantomeno determinante nella corsa al titolo in diverse categorie del Campionato Italiano Trial 2019. Partendo dalla top class TR1, con un bottino di 3 vittorie ed 1 secondo posto in 4 gare comanda a quota 77 punti il pluri-Campione italiano in carica Matteo Grattarola (Sembenini NILS Montesa RedMoto Trial Team), seguito tuttavia a 8 lunghezze da Luca Petrella (Beta Factory Trial), reduce dalla storica affermazione conseguita a Paularo. In corsa per l’alloro tricolore anche il vice-Campione Europeo 2019 Gianluca Tournour (Team SPEA GasGas Italia NILS), terzo nella generale con 62 punti all’attivo ed a caccia del primo hurrà stagionale. Tra gli attesi protagonisti della TR1 non mancheranno i giovani emergenti Andrea Riva (Team TRRS Italia) e Lorenzo Gandola (Vertigo), rispettivamente quarto e quinto in campionato a precedere nell’ordine Pietro Petrangeli (Sherco), Filippo Locca (Beta Team Locca), Francesco Iolitta (TRRS) e Giacomo Saleri (Beta).

Giochi aperti nella TR2 con Sergio Piardi (Beta Team Locca), in virtù di tre vittorie conseguite in quattro round, al comando con 75 punti finora totalizzati seguito da Manuel Copetti (Team TRRS Italia, 63), Stefano Bertolotti (Beta Rabino Sport, 57) e da Luca Corvi (Team SPEA GasGas Italia NILS, 54). Da seguire anche il vice-Campione del Mondo Trial125 2019 Carlo Alberto Rabino (Beta Rabino Sport) e Francesco Marchetti (Beta Trial Academy Centre), pronti a dire la loro nella classe cadetta dell’Italiano Trial.

Avvincente la TR3 dove si registra un ex-aequo ai vertici della classifica: Michele Ruga (Scorpa) ed Andrea Gabutti (Team TRRS Italia) comandano con 67 punti all’attivo a precedere di 4 lunghezze il figlio d’arte Matteo Bosis, passato alle fila del Team TRRS Italia. Incerta anche la TR3 125 dei giovanissimi da 14 a 21 anni di età con Cristian Bassi (Beta) tornato titolare della “Maglia Leader” con 4 punti di vantaggio su Valentino Feltrin (GasGas), più staccati Luca Ruffoni (Beta) e Dario Doglio (Team SPEA GasGas Italia NILS). Volata finale nella TR3 Open con Marco Andreoli su Vertigo leader con 66 punti all’attivo, 7 di margine rispetto a Paolo Lazzaroni (TRRS), 10 nei confronti di Paolo Brandani (GasGas) attuale terzo nella generale.

La tappa di Baceno garantirà inoltre a Michael Vignaroli (Beta) la possibilità di giocarsi il primo match point per la conquista del titolo TR4, forte di un tesoretto di 73 punti costruito nei primi quattro round tanto da distanziare Emanuele Gilardini (Montesa, 48) e Davide Nava (GasGas, 38). La E-Trial, classe espressamente riservata alle moto elettriche introdotta quest’anno nel contesto del Campionato Italiano Trial, registra il monopolio della Electric Motion del Future Trial Team con Edoardo Verdari titolare della tabella leader a quota 77 punti seguito dai compagni di squadra Gian Paolo Concina (71), Francesco Vignola (60) e Alessandro Delfino (39).

Non mancheranno gli spunti d’interesse nella graduatoria Femminile con la diciottenne Alex Brancati, Campionessa italiana e della Coppa del Mondo Trial2 in carica, su Beta a punteggio pieno annoverando quattro vittorie in quattro gare seguita da Martina Gallieni (Team TRRS Italia), Emanuela Spadoni (GasGas) e da Jasmine Rosina Conti (GasGas), esponenti di prim’ordine del movimento “in rosa” dell’Italiano Trial.

PENULTIMO ROUND ANCHE PER IL CAMPIONATO ITALIANO MINITRIAL

Sempre in abbinamento con il Campionato Italiano Trial, Baceno ospiterà la quinta nonché penultima prova stagionale del Campionato Italiano MiniTrial 2019. Effettivo “serbatoio di talenti” delle due ruote trialistiche, la serie offre alle giovani promesse del vivaio tricolore la chance di mettersi in luce e maturare una proverbiale esperienza per il futuro, come sempre in percorso chiuso al traffico e reso ancor più facilitato per i neofiti della specialità. Per quanto concerne i valori in campo espressi nei primi quattro round, al comando della MiniTrial A figura il Talento Azzurro FMI Giacomo Brunisso, capo-classifica a punteggio pieno con la “perla” di aver portato a termine la gara di Padova a zero penalità. Più combattuta la MiniTrial B con Mirko Pedretti al comando della generale, ma con soli 2 e 3 punti di vantaggio rispettivamente su Christian Svanella e Gabriele Agostinis. La MiniTrial C proietta in testa Matteo Cella grazie ad un bottino di tre vittorie in quattro gare, mentre nella MiniTrial D la talentuosa Alice Bergamo ha chiuso i giochi in anticipo con quattro successi di fila. Lorenzo Zeccarelli si pone invece come il legittimo pretendente al successo finale della MiniTrial Open, per quanto Daniel Cerutti e Martino Vittori sono pronti a dare il massimo nei conclusivi due eventi previsti dal calendario. Sempre nel contesto dell’Italiano MiniTrial, la E-Trial B riservata alle moto elettriche accerta la leadership di Michele Vietti Violi. Ultima, ma non ultima, la Femminile B registra il primato di Martina Brandani a precedere di 3 punti Alessia Bacchetta e di 16 Asia Conti.

RENATO CHIABERTO NELLA HALL OF FAME DELL’ITALIANO TRIAL

In occasione del Round 5 di Baceno, Renato Chiaberto entrerà a far parte della “Hall of Fame” dell’Italiano Trial. Nato a Torino il 21 dicembre 1962, Chiaberto si è affermato tra i trialisti italiani di maggior successo degli anni ’80. Portacolori ufficiali di Fantic, Ossa e Beta, si è laureato Campione italiano della specialità nel biennio 1984-1985, ottenendo nel contempo risultati di rilievo a livello internazionale. In 68 presenze nel Mondiale Trial ha ottenuto 40 piazzamenti nella top-10 compreso un podio (3°) al Gran Premio d’Italia 1987 a Falcade. Proprio nel 1987, insieme al compianto Diego Bosis, Donato Miglio e Carlo Franco, è stato artefice della memorabile affermazione dell’Italia al Trial delle Nazioni disputatosi a Tampere (Finlandia). Complessivamente Chiaberto ha preso parte a 6 edizioni del Trial delle Nazioni, portando sempre l’Italia sul podio con un bilancio di 1 vittoria, 3 secondi 2 terzi posti. Per i risultati sportivi conseguiti e per il suo continuativo apporto alla specialità, il Comitato Trial FMI ha deciso di insignire Renato Chiaberto del prestigioso riconoscimento di “Hall of Fame” con la consegna della relativa targa celebrativa prevista per sabato 14 settembre a Baceno.

RACE PROGRAM

Non mancherà per il round di Baceno l’iniziativa del “Race Program” ufficiale con tutte le informazioni utili, elenco iscritti, programma e orari dell’evento. Realizzato in collaborazione con Motosprint e Sport Network, verrà distribuito in 2.500 copie sul campo di gara o, in alternativa, consultabile su Issuu e sul sito internet ufficiale TrialFMI.it

AZIENDE E PARTNER

Numerose le aziende che hanno sposato la filosofia del Campionato Italiano Trial per tutta la stagione 2019. Tra le case accreditate figurano Beta, RedMoto (con il Sembenini NILS Montesa RedMoto Trial Team), Sherco, TRRS (grazie ad AX Moto) e GasGas (rappresentata da FG Distribution). Tra i main partner, accanto a NILS, Michelin e Stegip, aziende insieme al Campionato Italiano Trial sin dal 2018, si sono unite 24MX e Midland, brand d’eccellenza attivamente impegnati nello sviluppo e crescita della specialità.

PROGRAMMA ED EVENTI

Il Round 5 inizierà ufficialmente sabato 14 settembre alle 17:00 con la disputa delle qualifiche ufficiali nella zona 12 predisposta nei pressi del Campo Sportivo di Baceno. Concluse le due manche di qualifica, appuntamento con la premiazione delle Pole Position con il Trofeo Stegip e l’Action Cam Midland riservata ai migliori interpreti di questo format delle classi TR1 e TR2, seguita dalla cerimonia di introduzione nella “Hall of Fame” di Renato Chiaberto. L’indomani, a partire dalle 8:30, il via della gara con i migliori trialisti italiani chiamati a confrontarsi in 12 zone da ripetere per 2 giri.

TV, WEB E SOCIAL

La stagione 2019 del Campionato Italiano Trial può annoverare un’esposizione TV e media senza precedenti per la specialità. Grazie all’accordo tra la FMI e AutomotoTV, l’emittente presente al canale 228 del bouquet Sky garantirà una sintesi di 24 minuti comprensiva degli highlights delle principali classi al via. Riconfermato nel palinsesto anche la seconda stagione di AFTER TRIAL, una trasmissione di 24 minuti di approfondimento con servizi ed ospiti in studio. Successivamente al primo passaggio su AutomotoTV, sono previste numerose repliche nei giorni successivi e su Sportivì, canale fruibile sul digitale terrestre in diverse regioni. L’Italiano Trial trova spazio anche su MotoClubTV, il canale televisivo online della Federazione Motociclistica Italiana ospitato all’interno di Eleven Sports, e su NonSoloMotoWebTV con due servizi da 18 minuti ciascuno. Sui social non manca la pagina Facebook (FB.com/TrialFMI) con la novità rappresentata dal profilo Instagram ufficiale (instagram.com/trialfmi) mentre il sito web TrialFMI.it si riafferma come il punto di riferimento per gli appassionati e addetti ai lavori con la sezione “LIVE” che ospita, grazie all’ausilio di un sistema collaudato nel corso degli anni, le classifiche zona dopo zona, pilota per pilota.


Leggi anche altri articoli su Trial o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer