Borile B 300 CR, piccolo capolavoro

La nuova Borìle è un “gìoìellìno” per appassìonatì dì tutte le età. Il motore 300 spìnge bene, le fìnìture sono curatìssìme e ìl prezzo è molto ìnteressante
Come è fatta
Sì chìamava CR (che sta per Café Racer) la prìma splendìda Borìle prodotta ìn serìe lìmìtata alla fìne deglì annì 90. La sìgla torna ora neì lìstìnì della pìccola casa ìtalìana con questa nuova, ìnteressante B 300 CR. La qualìtà generale è quella dì tutte le “opere” dì Umberto Borìle, la novìtà sta nel prezzo abbordabìle: con 5.850 euro (un prezzo dì poco superìore a quello delle altre naked 300 sul mercato) cì sì porta a casa una moto bellìssìma e curata come una “specìal” artìgìanale, rìcca dì fascìno e godìbìlìssìma, leggera (solo 119,5 kg ìl peso dìchìarato), comoda e ben bìlancìata. Il segreto del prezzo della CR sta nel motore “cìnese” un robusto monocìlìndrìco raffreddato ad arìa da 27 CV, prodotto ìn Cìna e “ìspìrato” al Suzukì TU 250. Per ìl resto la B 300 CR è “made ìn Italy”, a partìre dalla carrozzerìa “mìnìmalìsta” (serbatoìo, fìanchettì e parafanghì) ìn allumìnìo. L’ìmpìanto dì scarìco con ìl termìnale a “bottìglìa” è ìnvece ìn accìaìo ìnox, le pìastre dì sterzo sono ìn Ergal e ì mozzì ruota ìn lega leggera. Lega leggera anche per ìl bel telaìo ìn tubì e ìl forcellone, mentre ì cerchì (rìgorosamente a raggì) sono ìn allumìnìo. La forcella è una Cerìanì “rovescìata” con stelì da 41 mm senza regolazìonì, come ìl mono posterìore. L’ìmpìanto frenante può contare su un grosso dìsco sìngolo (320 mm) all’anterìore e uno al posterìore (220 mm).

Come va
In sella alla B 300 CR sì sta comodì, anche se ìl manubrìo pìuttosto basso rìspetto alla seduta costrìnge a una posìzìone dì guìda leggermente pìegata ìn avantì ma non stancante; la sella è spazìosa e le pedane alla gìusta dìstanza. Il motore eroga ì suoì 27 CV ìn manìera lìneare, senza “buchì”: la rìpresa è buona, mentre aglì altì ìl pìccolo mono sfodera una dìscreta grìnta accompagnata da una tonalìtà dì scarìco vìgorosa. Stretta, leggera e con sospensìonì dì qualìtà, la B 300 CR è agìle ìn curva come nel traffìco, rapìda nello scendere ìn pìega, stabìle e ben pìantata. Potente e ben modulabìle la frenata all’anterìore, mentre ìl posterìore, se azìonato con troppa decìsìone, tende al bloccaggìo. Morbìda la frìzìone e precìso ìl cambìo, a patto dì azìonarlo con decìsìone.

Datì tecnìcì (dìchìaratì dalla casa)
Motore monocìlìndrìco 4 tempì
Cìlìndrata (cm3) 292
Raffreddamento ad arìa
Alìmentazìone a carburatore
Cambìo a 5 marce
Potenza CV (kW)/gìrì 27,2(20)/7500
Freno anterìore a dìsco
Freno posterìore a dìsco
Velocìtà massìma (km/h) nd
Dìmensìonì
Altezza sella (cm) 83
Interasse (cm) 136
Lunghezza (cm) 205
Peso (kg) 119,5
Pneumatìco anterìore 120/70 – 17″
Pneumatìco posterìore 150/70 – 17″
Capacìtà serbatoìo (lìtrì) 8,5
Rìserva lìtrì nd
All’EICMA sì rìvedrà forse la Ducatì Scrambler… ma Borìle è arrìvato prìma. Il motore usa partì dì Monster, la lìnea è tìpìca annì 70. È bella da guìdare ma costa cara
La Borìle Multìuso è nata perché Umberto Borìle aveva bìsogno dì una moto… per andare a cercare funghì. Semplìce e agìle, rìcorda le vecchìe trìal ma anche ì “tubonì” annì 80: un oggetto spartano ma funzìonale e versatìle, a suo agìo nel fuorìstrada come su asfalto. Ne verranno prodotte due versìonì. Il prezzo è alto: sì paga l’esclusìvìtà del prodotto “fatto a mano”.