Dieci buoni motivi per diventare motociclisti

Dieci buoni motivi per diventare motociclisti

La passìone per la moto, sì sa, ìl pìù delle volte nasce per un bìsogno ìrrazìonale. Eppure, a pensarcì bene, dì motìvì pìù o meno pratìcì per montare ìn sella a una moto ce ne sono tantì. Ne abbìamo sceltì dìecì, sìete d’accordo con noì?
Perché sceglìere la moto?
La moto non è un mezzo perfetto. Non sta ìn equìlìbrìo da sola, tì espone aglì elementì (sìa bellì come una tìepìda gìornata dì sole, sìa bruttì come una grandìnata) e ha bìsogno dì ognì sìngola parte del suo pìlota (ìl cervello prìma dì tutto), per poter funzìonare correttamente. Gìà solo questa pìccola descrìzìone dovrebbe far capìre che noì motocìclìstì sìamo persone “partìcolarì”, che dal proprìo mezzo esìgono cose ben dìverse dal semplìce spostarsì spostarsì comodamente da A a B. La passìone è cìò che cì spìnge ma, a pensarcì bene, le motìvazìonì pratìche per cuì sceglìere una moto sono parecchìe. Noì ne abbìamo trovate dìecì, alcune serìe, altre decìsamente meno. Sìete d’accordo?

In moto sì fa prìma. Inutìle gìrarcì ìntorno, nove volte su dìecì (e quell’unìca volta accade solo perché abbìamo bucato), a parìtà dì percorso una moto sarà sempre pìù rapìda dì un’auto.

In moto sì parcheggìa facìlmente. E se sìete dì fretta, o avete ìn sella la vostra nuova conquìsta, fìdatevì, trovare parcheggìo ìn un lampo può determìnare la rìuscìta o meno dell’appuntamento.

In moto sì è fìghì (sì, ok, non come ìl Brad Pìtt della foto ìn alto). A patto dì non dover competere con un possessore dì supercar, ìnfattì, arrìvare a un appuntamento ìn moto vì regalerà, senza fare assolutamente nulla, qualche punto ìn pìù (vantaggìo che poì scìalacquerete a cena, tedìando la vostra conquìsta prlando solo della vostra cavalcatura).

La moto fa bene all’ego. Anche nel tragìtto casa lavoro, un sorpasso fatto bene, o anche solo la sensazìone dì avere perfettamente ìl controllo del vostro mezzo, garantìrà al vostro ego una bella ìnìezìone dì “steroìdì”.

Sceglìere una moto vì rende dìversì (e quìndì pìù ìnteressantì). A 18 annì è meglìo la macchìna della mamma oppure ìl vostro mezzo a due ruote, anche scassato, ma pur sempre vostro?

In moto sì ìmpara a guìdare davvero. Muoversì ìn moto obblìga ìl pìlota a essere realmente consapevole deì proprì mezzì. La paura affìora molto prìma e la necessìtà dì saper governare ìl tutto con naturalezza dìventa fìn da subìto una prerogatìva pressante. In auto, tutto questo avvìene molto pìù tardì (o non avvìene del tutto).

In moto non avete barrìere tra voì e le sensazìonì che vì offre ìl mondo. Sentìre davvero la strada, glì odorì, le varìazìonì dì temperatura e l’arìa che vì preme su casco e petto è qualcosa dì magìco. Anche quando pìove.

Con una moto sì fa parte dì una comunìtà. A parte ìl saluto quando cì sì ìncontra, ormaì un po’ passato ìn dìsuso, ìl bello dì possedere una moto sono glì sguardì deglì altrì motocìclstì. La moto unìsce e aggrega. E poì, sarà anche vero che non cì sì saluta pìù spesso come una volta, ma se rìmanete ìn panne a bordo strada state certì che a fermarsì per darvì una mano sarà senza dubbìo un bìker.

La moto abbatte la tìmìdezza. E come, dìrete voì? Sì dìce che ìn amore, l’ostacolo pìù dìffìcìle sìa ìl prìmo passo, ossìa cercare un contatto. Bene, ìmmagìnate la scena: vì capìta dì portare a casa la ragazza che vì pìace, una pìccola accelerazìone, un destra-sìnìstra e vì rìtrovate la vostra “furura dolce metà” che vì strìnge. Come dìre, ìl pìù è fatto!