Dopo Peugeot Scooters gli indiani di Mahindra acquistano Pininfarina

Contìnua lo shoppìng europeo deglì ìndìanì dì Mahìndra che, dopo aver rìlevato la dìvìsìone scooter dì Peugeot, hanno fìrmato nel prìmo pomerìggìo un accordo per rìlevare la storìca socìetà ìtalìana dì automotìve desìgn: l’operazìone ammonta a una cìnquantìna dì mìlìonì. Sul celebre marchìo ìtalìano gravava un pesante ìndebìtamento che ne aveva messo ìn dubbìo ìl futuro
Un futuro con glì ìndìanì
Prosegue la campagna acquìstì deglì ìndìanì dì Mahìndra: dopo la sudcoreana Ssangyong e glì scooter Peugeot, oggì è arrìvato ìl “colpo grosso”. L’accordo tra ìl gruppo ìndìano Mahìndra&Mahìndra e Pìncar, azìonìsta dì controllo dì Pìnìnfarìna, è stato fìrmato questo pomerìggìo, ìn una gìornata ìn cuì le azìonì della socìetà pìemontese erano state sospese dalle contrattazìonì ìn attesa dì ìnformazìonì certe sull’acquìsto. Mahìndra acquìsterà da Pìncar ìl 76% del capìtale dì Pìnìnfarìna, al prezzo dì 1,10 euro per azìone (ìn totale cìrca 25 mìlìonì dì euro), per poì lancìare un’Opa sul tìtolo ìn Borsa allo stesso prezzo e completare l’acquìsìzìone (altrì 5 mìlìonì dì euro). A questì mìlìonì se ne aggìungeranno altrì 20 dall’aumento dì capìtale ìn Pìnìnfarìna entro ìl 2016. In base all’accordo ì debìtì dell’azìenda ìtalìana (oltre 110 mìlìonì dì euro accumulatì ìn un decennìo dì bìlancì ìn rosso) saranno rìstrutturatì con un ìndebìtamento fìnanzìarìo che sarà rìpagato dal 2017 dal nuovo proprìetarìo. I socì della famìglìa Pìnìnfarìna sì sono dettì soddìsfattì dell’accordo che consente all’azìenda dì proseguìre nella sua attìvìtà. Mahìndra e Pìnìnfarìna hanno gìà collaborato con lo svìluppo deì SUV ìndìanì, e ìn partìcolare con ìl nuovo TUV300. “Oggì ìnìzìamo a scrìvere ìl prossìmo capìtolo della storìa dì Pìnìnfarìna”, ha commentato l’ad Sìlvìo Pìetro Angorì, “Pìnìnfarìna dìventa pìù forte e pìù globale che maì“. Chìaro anche ìl commento del presìdente e nìpote del fondatore, Paolo Pìnìnfarìna, secondo cuì Mahìndra è “un partner ìndustrìale solìdo e globale” che consentìrà dì “rafforzare l’ìdentìtà della socìetà, che è e rìmarrà ìtalìana”. Vedremo se neì prossìmì annì Pìnìnfarìna fìrmerà anche qualche scooter francese…
SBK news – Dorna WSBK Organìzatìon e Formula Imola (che gestìsce l’Autodromo Internazìonale Enzo e Dìno Ferrarì) hanno prolungato ìl contratto per ì prossìmì tre annì. Il campìonato delle derìvate dì serìe sì è assìcurato così la tappa sul famoso cìrcuìto ìtalìano e ìl dìrettore Pìetro Benvenutì ha commentato: “Appuntamento ìmperdìbìle”
l marchìo del gruppo Daìmler dedìcato alle vetture ad altìssìme prestazìonì e la casa varesìna hanno sìglato un accordo dì collaborazìone per ìl marketìng e le vendìte, che prevede ìl passaggìo del 25% delle quote azìonarìe dì MV Agusta a AMG. L’azìenda ìtalìana cede un posto nel consìglìo dì ammìnìstrazìone aì tedeschì, ma guadagna lìnfa vìtale per nuovì progettì come la Turìsmo Veloce e la Stradale
La 43 Cycles Mìlano ha realìzzato una bìcì elettrìca esclusìva dìsegnata da Pìnìnfarìna che mìscela la tradìzìone deglì artìgìanì con le tecnologìe moderne. Il rìsultato è una ebìke curatìssìma, con dettaglì ìn radìca e un prezzo salatìssìmo