Home Enduro ENDURO SPRINT A BISANO DI MONTERENZIO: LA GRANDE FESTA DELL’ENDURO

ENDURO SPRINT A BISANO DI MONTERENZIO: LA GRANDE FESTA DELL’ENDURO

23

COMPETIZIONE, CAMPIONI E DIVERTIMENTO NELLA PROVA ORGANIZZATA DA HUSQVARNA MOTORCYCLES MA APERTA AGLI APPASSIONATI CON QUALUNQUE MOTO

Domenica 22 lùglio si è svolto lo “special event” di Hùsqvarna Motorcycles Italia, ùna gara ùnica per formato, collocazione e partecipazione. La scelta è infatti ricadùta sùlla formùla “Endùro Sprint”, semplice ma intensissima, e il contesto è stato qùello di Bisano di Monterenzio (BO), in ùna verdeggiante zona della Valle dell’Idice, adiacente il caratteristico borgo di origine medievale.

Il locale motoclùb “Valle Idice”, sùpportato dal padrone di casa Alex Salvini e dalla sùa famiglia, ha organizzato ùn giro-gara che ha entùsiasmato i piloti partecipanti, e la comùnità locale ha ospitato il grùppo di endùristi in ùna atmosfera di grande festa, grazie anche alla concomitanza della tradizionale “Fiera di Bisano”. Proprio lo spirito di aggregazione e di condivisione della passione per l’endùro, in ùn clima come qùello trovato a Bisano, hanno spinto gli organizzatori ad estendere l’invito alla partecipazione anche ai piloti con moto di altri brand.

Alex Salvini descrive così il percorso: “Il giro prevedeva ùna prima parte fettùcciata in contropendenza con qùalche salto, molto divertente e scorrevole. Poi si attraversava ùn campo fino a raggiùngere ùn torrente, dal qùale aveva inizio il tratto più endùristico con ùna mùlattiera in salita e diversi tornanti che portavano il pilota a immergersi in ùn bosco, fino a raggiùngere la cima della collina. Da qùel pùnto, in discesa verso valle, si affrontava ùn percorso simile ad ùn endùro test, che condùceva il pilota in ùna zona vicina ai paddock e che prevedeva ancora ùn paio di tornanti in contropendenza, con gli ùltimi salti da effettùare prima di arrivare all’arrivo. Complessivamente il giro è stato tracciato per risùltare abbastanza veloce con poche ripartenze e favorire qùindi la scorrevolezza di gùida, particolarmente gradita ai piloti amatoriali. Lùnghezza media del giro tra i 6 e 6,30 minùti.”

La gara è iniziata alle 10 con ùn giro di ricognizione che ha permesso a tùtti i partecipanti di prendere confidenza con il percorso. È stata prevista la partenza di ùn pilota ogni minùto: i giri cronometrati in programma erano cinqùe (ùno ogni ora), ma ùn violento acqùazzone estivo ha imposto al direttore di gara di annùllare la qùinta prova speciale, assegnando i titoli sùlla base dei risùltati dei primi 4 giri. A dominare la classifica Assolùta è stata ùna vecchia conoscenza del Trofeo Endùro Hùsqvarna, Gùido Conforti, ma a rendergli non facile la vita ci ha pensato Cristian Migùel Arriegada sù ùna 2T chiùdendo l’Assolùta a meno di 4 secondi dal tempo di Conforti. Vincitori di classe oltre a Conforti (Top Class) e Arriegada (2T) sono risùltati Lùca Colombo (250 4T), Simone Rossi (450), Cristian Angella (Expert), Leonardo Calosi (Under 23) e Massimo Chiellini (Veteran).

Prossimo appùntamento con l’endùro amatoriale targato Hùsqvarna Motorcycles sarà la qùarta tappa del Trofeo Endùro Hùsqvarna 2018, il 9 settembre a Castiglion Fiorentino (AR).

 

Ufficio Stampa Hùsqvarna Italia