ENDURO SPRINT, LA PRIMA PROVA INTERPROVINCIALE NEL SEGNO DI DORIA E NEL RICORDO DI RIZZUTO


Nel segno di Eros Doria ma nel ricordo di Gaetano Rizzuto. E’ andata in archivio la prima prova del campionato interprovinciale Enduro Sprint, Agrigento-Caltanissetta-Ragusa, svoltosi a Naro. Nell’area ricavata all’interno della cava di Camastra, nell’Agrigentino, gli enduristi si sono dati battaglia onorando al meglio un collega recentemente scomparso e ricordato attraverso una gigantografia realizzata dagli organizzatori del Motoclub Agrigento, con in testa il presidente Marco Moncada. La gara – a detta dei partecipanti – è stata apprezzata da tutti i piloti presenti, ben organizzata, e disputata su sei prove speciali valide come da RP, come hanno poi avuto modo di sottolineare il responsabile Enduro della Fmi Sicilia, Turi Leonardi e il consigliere regionale Michele Cristaudo, presenti alla kermesse vinta da Eros Doria (Enduro Ibleo) primo anche nella Top Class. Quest’ultimo ha preceduto Francesco Cagnina (Motoclub Sicilia) e Giovanni Falla (Modica Racing). Per quanto riguarda le classifiche di classe di giornata, Salvatore Natalello (Motoclub Agrigento) ha vinto la Cadetti, Francesco Cagnina (Sicilia) la Junior, Vincenzo Pellegrino (Lanteri) la Senior, Giorgio Puglisi (Hobby Motor Ragusa) la Major, Diego Cuva (Motoclub Canicattì) la 125 Mini, Raffaele Bruno (Hobby Motor Ragusa) la Veteran Unica, Giuseppe Ventura (Hobby Motor Ragusa) la Territoriale 250 4 tempi, Giovanni Falla (Modica) la Territoriali 2 Tempi Sicilia, Vincenzo Matarazzo (Hobby Motor Ragusa) la Territoriale 450 ed Emanuele Quartana (Enduro Valle Del Sosio) la Minienduro 85.

Leggi anche altri articoli su Sicilia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer