ENDURO VINTAGE, SICILIANI IN EVIDENZA IN PORTOGALLO


Buoni i risultati per i siciliani alla Sei Giorni di Enduro Vintage 2019. 

Si è conclusa la 94ma edizione della sei giorni di enduro in Portogallo con risultati soddisfacenti per i piloti siciliani impegnati nella gara più prestigiosa ed antica dell’Enduro Vintage. Una gara che si è rivelata più impegnativa del previsto con percorsi uguali alle moto moderne impestati di mulattiere rese ancora più difficili dalle avverse condizioni meteo ed i controlli tirati. Antonio Gallo nella categoria Classic 79 con un KTM del 1977 a causa della durezza della prova e della sua inesperienza in competizioni internazionali, era costretto al ritiro durante il secondo giorno di gara per fuori tempo massimo. Luca Leone con un SWM del 79 sempre nella Classic 79 alla sua seconda esperienza alla Six Days, era anch’egli costretto al ritiro per una serie di distrazioni del secondo giorno, dovute alla stanchezza accumulata durante il primo giorno di gara. Riccardo Terranova, alla terza “6 Days Vintage” in carriera e fresco Campione Europeo Vintage, si e piazzato 32° assoluto e 14° di classe nonostante vari problemi al primo giorno e unico siciliano a non prendere punti ai controlli, con una Cagiva 190 del 1982 nella Categoria Classic 82 concludendo anche 3° nel Trofeo Motorex. Marco Pagnano, vice campione Europeo Vintage, anch’egli alla sua terza edizione della “Six Days” concludeva al 59° assoluto e secondo di classe nella categoria C72 con un KTM del 1972. Buone performance, dunque, per le quali il Comitato Regionale Fmi Sicilia, con in testa il presidente Totò Di Pace, ha ringraziato tutti i piloti e gli accompagnatori che hanno portato con orgoglio i colori isolani in Portogallo.

Leggi anche altri articoli su Sicilia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer