Febvre, Lapucci e Osterhagen vincono gli Internazionali d’Italia Motocross 2021 thumbnail

Febvre, Lapucci e Osterhagen vincono gli Internazionali d’Italia Motocross 2021

Terza ed ultima gara degli Internazionali d’Italia Motocross, con un record di partecipanti visti gli oltre 160 riders al via, come sottolineato nelle parole del Race Director della Federazione Motociclistica Italiana Andrea Barbieri; il tutto magistralmente organizzato anche grazie al prezioso supporto del Moto Club Mantovano-Tazio Nuvolari gestito da Giovanni Pavesi. Il Presidente della Federazione Giovanni Copioli, presente sul campo di gara, si è complimentato con tutti soprattutto visto il difficile periodo pandemico, che non rende sicuramente facile l’organizzazione delle manifestazioni sportive. Tre gare importanti nel panorama internazionale del motociclismo, così come sottolineato anche da Giacomo Casartelli di EICMA, che fanno parte di una serie di manifestazioni che porteranno al salone internazionale di Milano dal 25 al 28 novembre 2021.

Gare tirate e non scontate che hanno determinato i vincitori assoluti del 2021: Romain Febvre (Monster Energy Kawasaki Racing Team) il migliore nella Supercampione e nella MX1, Nicholas Lapucci (Fantic Facotry Team Maddii) nella MX2 e Hakon Osterhagen (Fantic Factory Team Maddii) nella 125. Gli Internazionali d’Italia e tutti i piloti presenti, che hanno visto anche tra i protagonisti nel paddock il 10 volte campione del mondo Stefan Everts, salutano così il circus del motocross e danno appuntamento al 2022, augurandoci tutti con il ritorno del pubblico sulle tribune, il vero grande assente di queste prove, ma che ha potuto seguire tutte le prove grazie alle dirette streaming on line.

SUPERCAMPIONE – Gara perfetta per Romain Febvre (Monster Energy Kawasaki Racing Team), che ha conquistato holeshot e miglior giro. Il francese, partito fortissimo e determinato, ha saputo vincere gara e Internazionali d’Italia e, alla fine, ha dichiarato: “Belle gare e mi ha sorpreso Lapucci nella Supercampione, dove Jorge mi ha raggiunto e abbiamo fatto un bel duello, ma è arrivato troppo forte all’interno della curva quando ha cercato di superarmi. Per me è andato tutto sempre meglio dalla prima gara; ho avuto le braccia un po’ indurite a fine gara, ma partire così nella stagione va bene perché abbiamo ancora due mesi, e forse più, prima del via del mondiale quindi abbiamo margine per miglioramento. Adesso torno a casa da mia figlia che mi manca perché sono via da casa da qualche settimana”.

Difficile capire se definire sfortunata la gara dello spagnolo Jorge Prado (Red Bull KTM Factory Racing), che dopo aver passato l’ottimo Nicholas Lapucci (Fantic Factory Team Maddii), si è portato al secondo posto e quando ha attaccato il leader della classifica ha commesso un grave errore che avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori, cadendo sul rettilineo della Pit Lane per aver tentato una staccata incredibile, che lo ha costretto al ritiro. Ottimo secondo in sella alla Be