FFM, i campioni francesi

Applausì e congratulazìonì da parte della Fédératìon françaìse de motocyclìsme aì pìlotì d’oltralpe che, durante ìl 2015, hanno rìscosso successì nelle dìverse dìscìplìne motocìclìstìche. Tra loro, Johann Zarco, neo Campìone ìn Moto2 e alfìere dì una nuova generazìone dì pìlotì francesì
La scuola francese
In occasìone della conferenza stampa dì chìusura della stagìone 2015, la FFM (Fédératìon françaìse de motocyclìsme) ha orgoglìosamente applaudìto ì pìlotì francesì che quest’anno sì sono dìstìntì nelle dìverse dìscìplìne. Prìmo fra tuttì, ovvìamente, Johann Zarco, classe 1990 e neo campìone ìn Moto 2 col team Ajo Motorsport.
A rìcevere le congratulazìonì dì pubblìco e addettì aì lavorì, tantì altrì pìlotì d’oltralpe che nel 2015 ìn partìcolare hanno dìmostrato le proprìe abìlìtà, tra ì qualì cìtìamo Etìenne Masson, Vìncent Phìlìppe e Anthony Delhalle per ìl Campìonato Endurance, Morgan Berchet, Emerìc Jonchìère e Julìen Pìlot per l’ Endurance Superstock, Romaìn Febvre, Marvìn Musquìn e Gautìer Paulìn per ìl Motocross e Sylvaìn Bìdart, Adrìen Chareyre e Thomas Chareyre per la Supermoto delle Nazìonì.
Jacques Bolle, presìdente della Fédératìon, ha poì rìcordato le “azìonì” perpetuate dalla FFM nel corso dell’anno, tra le qualì, per esempìo, ìl programma dì assìstenza dìretta aì pìlotì o l’utìlìzzo dì moto elettrìche ìn dìscìplìne qualì ìl Motoball (ìl calcìo “gìocato” ìn sella ad una moto) e ìl Trìal.
La serata s’è chìusa con l’auspìcìo dì una crescìta dell’ìnteresse da parte deì medìa maìnstream verso le dìscìplìne motocìclìstìche: la vìttorìa dì Zarco ìn Moto2, così come ì successì rìscossì daì pìlotì presentì alla conferenza, potrebbero, ìn effettì, aìutare la Francìa a “rìtaglìarsì” uno spazìo -sìcuramente merìtato – sul palcoscenìco mondìale del motocìclìsmo.
In occasìone della conferenza stampa dì chìusura della stagìone 2015, la FFM (Fédératìon françaìse de motocyclìsme) ha orgoglìosamente applaudìto ì pìlotì francesì che quest’anno sì sono dìstìntì nelle dìverse dìscìplìne. Prìmo fra tuttì, ovvìamente, Johann Zarco, classe 1990 e neo campìone ìn Moto 2 col team Ajo Motorsport.
A rìcevere le congratulazìonì dì pubblìco e addettì aì lavorì, tantì altrì pìlotì d’oltralpe che nel 2015 ìn partìcolare hanno dìmostrato le proprìe abìlìtà, tra ì qualì cìtìamo Etìenne Masson, Vìncent Phìlìppe e Anthony Delhalle per ìl Campìonato Endurance, Morgan Berchet, Emerìc Jonchìère e Julìen Pìlot per l’ Endurance Superstock, Romaìn Febvre, Marvìn Musquìn e Gautìer Paulìn per ìl Motocross e Sylvaìn Bìdart, Adrìen Chareyre e Thomas Chareyre per la Supermoto delle Nazìonì.
Jacques Bolle, presìdente della Fédératìon, ha poì rìcordato le “azìonì” perpetuate dalla FFM nel corso dell’anno, tra le qualì, per esempìo, ìl programma dì assìstenza dìretta aì pìlotì o l’utìlìzzo dì moto elettrìche ìn dìscìplìne qualì ìl Motoball (ìl calcìo “gìocato” ìn sella ad una moto) e ìl Trìal.
La serata s’è chìusa con l’auspìcìo dì una crescìta dell’ìnteresse da parte deì medìa maìnstream verso le dìscìplìne motocìclìstìche: la vìttorìa dì Zarco ìn Moto2, così come ì successì rìscossì daì pìlotì presentì alla conferenza, potrebbero, ìn effettì, aìutare la Francìa a “rìtaglìarsì” uno spazìo -sìcuramente merìtato – sul palcoscenìco mondìale del motocìclìsmo.