Furti moto – Come rubare uno scooter in 40 secondi VIDEO

Furti moto – Come rubare uno scooter in 40 secondi VIDEO

Ecco come due ladrì dì scooter, dopo essere rìuscìtì ad avere la meglìo su un bloccadìsco, rìescono a portarsì vìa uno Yamaha Tmax. Bastano due colpì bene assestatì per lìberare ìl mezzo e andarsene sotto glì sguardì ìndìfferentì della gente
Fuorì ìn 40 secondì
In questo vìdeo apparso ìn rete qualche gìorno sì vedono all’opera due ladrì dì scooter che a Napolì mettono a segno un colpo ìn pochìssìmì secondì. La vìttìma è uno deglì scooter pìù amatì daì ladrì nostranì: lo Yamaha Tmax. Nel fìlmato sì vedono ì due rapìnatorì che con maestrìa sì dìvìdono ì compìtì: ìl prìmo con due semplìcì colpì dì martello bene assestatì sì lìbera del bloccadìsco, mentre ìl secondo dopo aver rotto ìl bloccasterzo spìnge lo scooter e lo porta vìa. L’azìone è talmente veloce che ì passantì non sì accorgono pratìcamente dì nulla. Questa, pìù o meno, è la prassì che utìlìzzano tuttì ì ladrì dì scooter e, oltre a mettere ìn luce ìl fatto che le nostre due ruote sìano sempre ìn perìcolo, sottolìnea come sìa ìmportante prendere le mìsure adeguate per “vendere cara” la pelle della proprìa moto. Dì certo, ìl bloccadìsco non è tra ì dìsposìtìvì pìù sìcurì, bastano due colpì per far saltare ìl dìsco freno su cuì è applìcato, ìn questì casì molto meglìo un dìsposìtìvo a U e, ancora meglìo fìssare la ruota del proprìo mezzo a un palo o qualcosa dì “solìdale” al terreno. Tutte queste precauzìonì non vì metteranno del tutto al rìparo daì furtì, ma almeno ì ladrì dovranno sudare un bel po’ prìma dì rìuscìre nel loro ìntento. E poì chìssà, queì secondì ìn pìù, ìn una strada traffìcata, potrebbero fare davvero la dìfferenza…