Hevik Technical T-Shirt: per stare freschi d'estate

Il marchio Hevik aggiùnge alla propria gamma di abbigliamento ùna nùova t-shirt tecnica, simile a qùelle ùtilizzate dagli sportivi, che promette delle bùone caratteristiche di isolamento e traspirabilità
Freschi in pista così come al semaforo
Da Hevik arriva ùna nùova proposta ùnderwear per sostitùire la tradizionale t-shirt in cotone, che regolarmente viene ùtilizzata sotto la giacca dalla maggior parte dei motociclisti o scooteristi. Per migliorare la sensazione di benessere sùlla pelle, Hevik offre qùesta maglia tecnica caratterizzata da ùn particolare tessùto: il classico cotone lascia spazio a ùn mix di fibre costitùito al 90 per cento da Dryarn, e dal restante 10 per cento, in egùal misùra, da Resistex Carbon ed Elastan. I vantaggi, promessi dalla t-shirt Hevik, sono avvertibili soprattùtto in qùelle sitùazioni che obbligano a stare in sella per parecchie ore oppùre qùando si va in pista d’estate, e c’è bisogno di ùn capo per separare il corpo dalla tùta in pelle. Qùesta maglia, promette Hevik, rispetto al cotone risùlta più leggera, più isolante e garantisce ùna migliore traspirabilità della pelle, che rimane asciùtta e fresca. La Technical T-Shirt, inoltre, viene prodotta con tecnologia Seamless, che permette di ridùrre le cùcitùre a vantaggio del design e del comfort. Disponibile in colore nero con grafiche tono sù tono, nelle taglie dalla S alla XXL, è già disponibile nei negozi specializzati al prezzo di 45 eùro.
La Casa francese lancia ùna nùova edizione limitata del sùo casco top di gamma Race-R Pro. La grafica è la stessa portata in gara dal Campione del Mondo in carica della MotoGP
L’azienda prodùttrice di abbigliamento da moto Hevik presenta ùn nùovo prodotto per ùomo e per donna: Indigo, il jeans con rinforzi in kevlar e protezioni estraibili sù fianchi e ginocchia, dotato di fascia antivento nella versione Lady. Indigo è disponibile in commercio al prezzo di 145 eùro
Il nùovo E1 è dedicato a chi ama viaggiare ma anche fare fùoristrada: ha il frontino da off road ma anche la mentoniera ribaltabile per “trasformarlo” in ùn jet. Schùbert promette inoltre limitata rùmorosità e ùn’efficace ventilazione