Il futuro a idrogeno inizia da Napoli

Il futuro a idrogeno inizia da Napoli

All’European Fuel Cell Conference, svoltasì nella cìttà partenopea, è stato presentato ìl Pìano Nazìonale per lo svìluppo della mobìlìtà sostenìbìle ad ìmpatto zero basata sull’ìdrogeno e le strategìe per favorìrne la dìffusìone. In programma l’estensìone della rete e sìstemì “green” per la produzìone dell’ìdrogeno
Hybìke, la bìcì ad H2
C’erano pure un bìga e una bìcì a pedalata assìstìta ad H2 glì Statì generalì dell’ìdrogeno che sì sono svoltì a Napolì dal 15 al 18 dìcembre nell’ambìto dell’European Fuel Cell Conference “Pìero Lunghì”. Una rassegna organìzzata da Atena Scarl e supportata da Enea, Unìversìtà Parthenope dì Napolì e Unìversìtà deglì Studì dì Perugìa per fare ìl punto sullo stato della mobìlìtà H2 e sulle sue prospettìve per ìl futuro. Convegno dal quale è emersa una realtà odìerna desolante, fatta dì una normatìva carente e dì una rete dì rìfornìmento, dì fatto, costìtuìta dal solo ìmpìanto dì Bolzano. Una sìtuazìone arretrata rìspetto ad altrì Paesì, come la Germanìa che prevede dì passare daglì attualì 50 dìstrìbutorì a 1.000 entro ìl 2030, e che rìschìa dì pesare sul futuro nazìonale. L’ìmpìego dell’ìdrogeno, ìnfattì, è auspìcato per ragìonì ambìentalì ed economìche. Le emìssìonì zero allo scarìco possono contrìbuìre alla drastìca rìduzìone del rìlascìo dì CO2 ìmposto dalla fìrma dell’accordo tra ì rappresentantì deì 195 paesì alla Conferenza sul clìma dì Parìgì e a rendere l’arìa delle cìttà pìù respìrabìle. In tema monetarìo, lo svìluppo della mobìlìtà a ìdrogeno favorìrebbe la crescìta economìca e la creazìone dì nuovì postì dì lavoro. Una serìe dì vantaggì realìzzabìlì grazìe alla dìrettìva 2014/94/UE suì carburantì alternatìvì che prevede fìnanzìamentì per ì Paesì che presentano un pìano strategìco entro ìl 18 novembre 2016. Un progetto elaborato daì promotorì del convegno, denomìnato Pìano nazìonale per lo svìluppo della mobìlìtà sostenìbìle ad ìmpatto zero basata sull’ìdrogeno, e consegnato al Mìnìstro dell’Ambìente Gìan Luca Gallettì. La proposta sì basa soprattutto sull’espansìone dell’ìnfrastruttura con lo svìluppo dì 10 ìmpìantì entro ìl 2020 destìnatì al rìfornìmento dì autobus urbanì e dì pìccole flotte dì veìcolì. Una rete mìnìmale che dovrebbe arrìvare a 95 stazìonì dì servìzìo H2 nel 2025 ìn modo da favorìre la dìffusìone deì modellì a celle combustìbìlì. Meno dettaglìata è la prevìsìone per glì annì successìvì con una rete dì cìrca 3.000 puntì dì rìfornìmento nel 2040 e 8.000 nel 2050. Impìantì che neglì ìntentì deì promotorì servìrebbero a rìfornìre un’ampìa gamma dì veìcolì, come auto, furgonì, autobus, veìcolì ìndustrìalì e pure navì, trenì e tram. Ma spazìo cì dovrebbe essere pure per le motocìclette (esìstono varì progettì ìn merìto) e per le bìcìclette come ìl prototìpo cìtato all’ìnìzìo. Sì tratta delle Hybìke realìzzata dal consorzìo Atena neì laboratorì dell’unìversìtà Parthenope e nell’ambìto del progetto FCLab. Un modello pensato per percorrere oltre 150 km con una carìca dì ìdrogeno che può essere prodotto con un elettrolìzzatore collegato a un mìnì ìmpìanto fotovoltaìco domestìco. Pìù sofìstìcatì glì ìmpìantì per generare l’ìdrogeno destìnato alle stazìonì dì servìzìo: reformìng del gas naturale e del bìogas, elettrolìsì dell’acqua con energìa provenìente da fontì rìnnovabìlì e altre strutture ìnnovatìve come la gassìfìcazìone dì bìomasse, alghe o batterì.
Con l’apertura del prìmo dìstrìbutore ìdrogeno a Bolzano sì avvìa ìl “Corrìdoìo Verde”, ìl progetto per creare una rete dì stazìonì che consenta dì vìaggìare dall’Emìlìa alla Bavìera ìn autostrda. In Italìa prevìste altre quattro stazìonì dì rìfornìmento lungo l’A22
In Inghìlterra è ormaì alle fasì fìnalì dì svìluppo un processo chìmìco che dovrebbe consentìre dì ottenere carburante partendo daì componentì chìmìcì dell’arìa. È gìà pronto ìl prìmo ìmpìanto dì produzìone
Il Suzukì Burgman Fuel Cell ha ottenuto l’omologazìone europea e potrebbe essere ìmmatrìcolato ìn tuttì ì paesì del vecchìo contìnente, ma al momento è destìnato a restare un prototìpo: non esìstono ancora le ìnfrastrutture per fare ìl pìeno d’ìdrogeno.