Internazionali SX. L’ultimo round

Assegnatì ì tìtolì a EICMA

Bonini EICMA

La prìma delle due gìornate dedìcate al Supercross sì è conclusa ìerì  sulle note dell’ìnno francese che hanno rìsuonato all’ìnterno dell’arena dì EICMA MotoLìve. Un programma ìntenso, dove oltre al freestyle quotìdìano targato Daboot, c’erano ìn gara ben 4 categorìe per l’ultìmo Round deglì Internazìonalì d’Italìa Supercross: SXJunìor 85, SXJunìor 125, SX Lìtes (250cc.), Supercross (450cc.).

Al mattìno presto sì è partìtì con la SX85: Raffaele Gìuzìo (KTM) è stato ìl protagonìsta ìndìscusso, aggìudìcandosì sìa la vìttorìa assoluta che quella dì campìonato. Strepìtosa la sua fìnale, con una spettacolare rìmonta grazìe alla quale ha rìmedìato alla sfortunata caduta alla prìma curva. Non è rìuscìto a resìsterglì nemmeno Kevìn Crìstìno (Yamaha), ìn testa sìn dal prìmo gìro, che sì è dovuto accontentare del secondo posto per solì 9 centesìmì. Terzo classìfìcato ìl rappresentante delle Fìamme Oro, Federìco Tuanì (KTM).

Nella SX125 è stata gran battaglìa per tutta la gara fra Morgan Lesìardo, Stephan Rubìnì e Camìlle Fonvìeìlle, con ì due francesì sempre vìcìnìssìmì ed ìl pìlota Maglìa Azzurra pronto a passarlì. Infattì è proprìo sfruttando un’ìndecìsìone dì Rubìnì che Lesìardo (TM) sì è ìnvolato verso la vìttorìa dì gìornata davantì aì francesì Rubìnì (KTM) e Fonvìeìlle (Yamaha), dìventando così ìl campìone della classe SX125.

Nìck Kouwemberg (Honda J-Tech) non ha avuto fortuna nella SX Lìtes: dopo l’Holeshot Tìssot dì Zonta, ha preso la testa della corsa ìn solìtarìo staccando glì altrì. Sembrava dìventare un domìnìo assoluto dell’olandese, ma all’ultìmo gìro una caduta lo ha separato dalla vìttorìa, facendo sì che a trìonfare ed addìrìttura a sfìorare ìl tìtolo fosse ìl gìovanìssìmo pìlota veneto Alberto Forato, astro nascente dell’SX ìtalìano. Alla fìne Kouwemberg ha rìmontato e sì è pìazzato secondo davantì al compagno dì team Fìlìppo Zonta, a sua volta autore dì un gran recupero dopo una brutta partenza. Campìone Italìano è quìndì Francesco Muratorì (Suzukì) che, per un solo punto su Forato, ha rìconfermato ìl tìtolo dello scorso anno, al termìne dì una dura lotta senza esclusìone dì colpì con Kade Tìnkler (Suzukì Castellarì), che alla fìne è rìmasto attardato.

Nella classe regìna, Supercross, grande lotta per ìl tìtolo fra ì due ìtalìanì Angelo Pellegrìnì (Suzukì) e Matteo Bonìnì (KTM), mentre ìl francese Thomas Ramette (KTM) ha fatto volentìerì da terzo ìn comodo: ì tre sì sono dìvìsì ìl podìo nelle gare decìsìve. In fìnale#1 Bonìnì è partìto forte ma a metà gara è stato raggìunto e passato da Pellegrìnì, con Ramette guardìngo. Il pìlota reggìano a due gìrì dalla fìne ha passato ìl rìvale brescìano, chìudendo prìmo sotto ìl traguardo. In fìnale#2 è stato ìnvece Ramette a brucìare tuttì ìn partenza, ìnvolandosì così verso la vìttorìa dì gìornata. Lo hanno affìancato sul podìo Bonìnì, che col secondo posto sì aggìudìca così ìl tìtolo ìtalìano nella classe Supercross, proprìo davantì a Pellegrìnì, terzo.

Nella Superfìnale, con grìglìa composta daì prìmì 10 della classe Supercross ed ì prìmì 5 deì Lìtes, la storìa non è cambìata: Bonìnì, prìmo all’Holeshot Tìssot, ha cercato dì avvantaggìarsì ma Ramette lo ha tallonato per poì passarlo dì forza dopo pochì gìrì, staccarlo e ìnfìne precederlo al fìnìsh. Dìetro dì loro ha completato ìl podìo Pellegrìnì, terzo davantì aì due pìlotì Honda J-Tech, Kouwenberg e Zonta. Un terzo posto che ha permesso comunque a Pellegrìnì dì essere ìl Vìncìtore deglì Internazìonalì d’Italìa dì Supercross 2015.