Italiano MX Junior, prima Selettiva Centro Sud. Numeri positivi e gare avvincenti

Italiano MX Junior, prima Selettiva Centro Sud. Numeri positivi e gare avvincenti 

Si è corso a porte chiuse, ma non per tutti, perché da lassù Chicco #8 (giovane pilota scomparso nel 2016 e a cui è intitolato il crossodromo di Rocca di Neto) ha sicuramente guardato felice tutta la prima prova selettiva MX Junior Centro Sud, orgoglioso della sua famiglia per il grande e impegnativo lavoro svolto in suo nome e di un remoto quasi impossibile sogno, oggi finalmente realizzato. Poi, dopo il Podio, Chicco ha idealmente abbracciato i genitori e salutato gli amici, dando appuntamento al 2021.

I numeri di questo Round inaugurale sono stati positivi nonostante il Covid 19, l’incertezza economica e l’estremità geografica, e i Piloti accorsi al “Cross Park Chicco Maida” si sono così ritrovati a gareggiare su un circuito bellissimo – che loro stessi hanno accomunato a Glen Helen – e ben trattato dall’organizzazione: evidentemente la prospettiva del Gruppo di Lavoro FMI era assolutamente corretta.

Nella 125cc. è stato il romano Campione del Mondo 85cc. nel 2019, Valerio Lata, a salire sul gradino più alto del podio di giornata, grazie a due splendide vittorie conquistate senza mai mostrare cedimento, né fisico né mentale: in gara 1 ha vinto davanti a Cosimo Bellocci (Husqvarna) e Morgan Bennati (Husqvarna), in gara 2 ha preceduto Tiberio Mazzantini (KTM) e Nicolò Borrozzino (Husqvarna).

Lineare la prima frazione per le primissime posizioni, mentre nella conclusiva, dopo l’Hole Shot Progrip di Mazzantini, Valerio è passato a condurre sulle wave già durante il primo giro, facilitato da una incertezza dello stesso Tiberio; intanto dietro la coppia di testa si accendeva la lotta per la terza posizione tra Borrozzino e Giorgio Di Crescenzo (KTM). A sei minuti dal termine Mazzantini ha tentato un affondo su Lata che ha alzato il ritmo e ripristinato la distanza; durante i giri conclusivi i due sono transitati ancora distanziati di pochi metri ma Lata anche questa volta non si è lasciato sorprendere, e così la frazione si è chiusa con il romano davanti a tutti. Secondo Mazzantini, terzo Borrozzino, quarto Di Crescenzo, quinto Bellocci. L’assoluta di giornata è andata così a Valerio Lata (1°/1° KTM Marchetti), secondo Cosimo Bellocci (2°/5° Husqvarna), terzo Tiberio Mazzantini (7°/2° KTM).

Per quanto attiene l’YZ Yamaha bLU cRU Challenge, vince Matteo Scalogna (Yamaha 973 MX Team), seguito da Salvatore Strafile (Yamaha Castel Del Monte).

Nella 85 Senior è stato il siciliano Alfio Samuele Pulvirenti (1°/1° KTM) a vincere l’assoluta, conquistata senza nessuna sbavatura a discapito del toscano Ferruccio Zanchi (2°/2° Husqvarna) e del marchigiano Simone Mancini (3°/3° KTM), tutti autori di prestazioni superlative. In gara 1, dopo l’Hole Shot di Nathan Mariani (KTM), Pulvirenti è passato a condurre su Mancini e Zanchi, infliggendo da subito un minimo distacco ai due. Intanto Zanchi riusciva a raggiungere e superare Mancini nel corso del terzo passaggio, inserendosi in seconda posizione ma a debita distanza dal battistrada. Ha vinto così la prima frazione Pulvirenti, seguito da Zanchi e Mancini; quarto di manche è finito Mariani, quinto Gabriele Barbieri (KTM).

In gara 2 la Hole Shot Progrip è stata conquistata da Zanchi, subito superato nel corso del primo giro da Pulvirenti, che ancora una volta è andato a vincere. Dietro ai due di testa si sono posizionati Mancini, Brando Rispoli (Husqvarna – Fashion Bike DB MX School) e il russo David Volodiev Yordanov (KTM). Questa seconda frazione si è svolta in maniera lineare per le prime quattro posizioni di manche, mentre per la quinta c’è stato il sorpasso di Davide Brandini (KTM) sul russo Yordanov; le posizioni conquistate hanno poi rispettivamente anche decretato l’assoluta di giornata . Da segnalare la prestazione di Rispoli, al rientro in gare nazionali dopo un lunghissimo periodo di fermo in seguito all’infortunio di Faenza nel 2019 e al successivo COVID.

Nell’YZ Yamaha bLU cRU Challenge, vittoria a Elia Alamanni Maurizio (Megan Racing).

Ancora una doppia affermazione di giornata nella 85 Junior, quella del siciliano Gennro Utech (KTM). In gara 1 Alessandro Maria Di Pietro (KTM) è partito al comando ma è stato superato subito da Utech, che si è involato verso la sua prima bandiera a scacchi, seguito da Di Pietro e Samuele Mecchi (Husqvarna). A circa tre minuti dal termine è uscito di scena per una caduta Di Pietro, e Pierpaolo Mosca ha conquistato la terza posizione. Quarto ha finito Andrea Maria Roberti (KTM – Pardi Royal Pat Scuola Cross), quinto Gabriele Napolitano (Husqvarna), sesto Enea Alamanni (Yamaha Megan Racing).

In gara 2 ha conquistato la Hole Shot Progrip Di Pietro, transitando per primo anche sul traguardo nel corso del primo giro, davanti a Mosca e Roberti, mentre Gennaro Utech è passato solo settimo. A metà frazione Utech è riuscito a conquistare la testa dopo una serie di decisi sorpassi, seguito da Roberti, Di Pietro, Mecchi e Pierpaolo Mosca che nel finale sopravanzerà Mecchi.

La Classifica assoluta ha visto così primeggiare Gennaro Utech (KTM 1°/1°), seguito da Andrea Maria Roberti (KTM 4°/2°) e Samuele Mecchi (HSQV 2°/5°).

Circa l’YZ Yamaha bLU cRU Challenge, vince Enea Alamanni (Yamaha Megan Racing).

Nella 65 Cadetti la prima frazione si è svolta nel nome di Andrea Uccellini (HSQV – A.U. 353 Motorsport). Al primo passaggio era Luca Colonnelli (KTM Seven Motosport) a guidare il folto gruppo degli inseguitori, seguito da Andrea Antonelli (KTM). Ma alle spalle di tutti è arrivato da subito un velocissimo Uccellini che al quarto passaggio con una azione perentoria è passato al comando allungando sugli altri, tranne Colonnelli che per qualche giro ha tenuto la scia per poi cedere fino ad accumulare un ritardo di 10”. Successo di manche a Uccellini, seguito da Colonnelli, terzo Antonelli, quarto Mattia Ruscito (KTM), quinto Alunno Cesare Mancini (HSQV – Gaerne).

Nella frazione conclusiva Uccellini ha condotto ancora sin dal via (dopo aver conquistato anche la Hole Shot Progrip), seguito da Luca Colonnelli (KTM Seven Motosport) e Andrea Antonelli (KTM) che ha poi superato Colonnelli. La seconda frazione è stata ottima anche per Denis Tamagnini (Yamaha) che ha chiuso in quarta posizione, quinto Mattia Ruscito (KTM).

La giornata è andata ovviamente a Andrea Uccellini (1°/1° HSQV ), seguito da Andrea Antonelli (3°/2° KTM) e da Luca Colonnelli (2°/3° KTM Seven Motosport).

L’YZ Yamaha bLU cRU Challenge della categoria Cadetti è a panaggio di Denis Tamagnini (Yamaha Trasimeno G. Capecchi), seguito da Lorenzo Larotonda (Yamaha Salerno).

Grande successo per la 65 Debuttanti: 17 giovanissimi dietro il cancello! Tra tutti, è stato un grande Cristian Amali (1°/1° KTM) a salire in cattedra con due perentorie vittorie e la conquista della Hole Shot Progrip; sul secondo gradino del Podio è salito Riccardo Burrini (2°/2° HSQV), mentre il terzo posto lo ha conquistato Riccardo Mescolini (3°/3° KTM), autore di una splendida prestazione nella frazione conclusiva, che da oltre la decima posizione lo ha visto risalire fino alla terza.

L’appuntamento con il Campionato Italiano Motocross Junior è fissato per questo fine settimana, 25 e 26 luglio, a Cremona per la prima selettiva Zona Nord.

Motocross