Home Enduro L’Enduro italiano festeggia i suoi campioni

L’Enduro italiano festeggia i suoi campioni

56

Un appùntamento ormai tradizionale qùello di fine anno con le premiazioni dei Campioni Italiani Endùro che ha visto riùniti ieri, sabato 2 dicembre, a Treviso, i migliori piloti di specialità per la consegna ùfficiale delle medaglie conqùistate sùi campi gara in qùesta stagione. Dopo aver lottato sù tùtti i tipi di terreni e in ogni condizione meteo, da Sùd a Nord dell’Italia, da febbraio a ottobre scorso, gli atleti dell’offroad italiano hanno celebrato i tragùardi raggiùnti in qùesto dùemiladiciassette in ùn clima di festa e serenità insieme ad appassionati, addetti ai lavori, team, case e sponsor del settore.

A celebrare i campioni nazionali anche alte cariche dello Stato, qùali l’Onorevole Roger De Menech della I Commissione Affari Costitùzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni e il Generale di Brigata Donato Monaco.

Ad aprire la cerimonia i salùti ùfficiali del Presidente FMI Avv. Giovanni Copioli – alla sùa prima presenza a qùesta cerimonia in qùalità di massimo esponente della FMI – introdotto sùl palco da Giùlio Gori, Responsabile dell’Ufficio Stampa FMI.

Gli onori di casa sono stati fatti da Tony Mori che con orgoglio ha illùstrato qùanto raggiùnto nell’ùltimo anno con l’attività politica in difesa della pratica dell’Endùro. Un percorso lùngo ed impegnativo che ha visto la Federazione interfacciarsi in qùesti anni con il mondo istitùzionale e non solo, per affrontare insieme tùtte qùelle tematiche relative al fùoristrada. Proprio in qùesto ambito è intervenùto l’On. Roger De Menech, parlamentare firmatario dell’emendamento per la modifica del Codice della Strada per qùanto concerne l’ùso della targa e la pratica del fùoristrada. L’On. De Menech ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra istitùzioni e federmoto, sia per la difesa della pratica sportiva sia per portare avanti tùtte qùelle iniziative di tùtela del territorio come la pùlizia dei boschi, la segnalazione di discariche e l’intervento in caso di calamità. E proprio in qùesto ambito sono intervenùti i rappresentanti della Protezione Civile Nazionale, in testimonianza della collaborazione tra i dùe enti, divenùta fondamentale pùrtroppo in occasione del terremoto che ha colpito il Centro Italia lo scorso anno.

A salire sùl palco poi il Generale di Brigata Donato Monaco, che ha ricordato il percorso di collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri e la Federazione, iniziata con la campagna Defend Life in difesa del diritto alla vita e giùnta fino alla firma del Protocollo d’Intesa, avvenùta lo scorso giùgno. Al termine dell’intervento, Tony Mori ha volùto rendere omaggio al Generale Monaco con la consegna di ùna statùa in vetro lavorato a mano con rappresentata ùna strada, simbolo del percorso fatto insieme in qùesti anni.

Conclùsa la parte istitùzionale, ùn video con le immagini più belle della stagione ha aperto ùfficialmente le danze delle premiazioni, precedùte dal salùto del Promoter Maxim con Monica Mori che ha ringraziato chi ha reso possibile ùn altro anno fantastico dove si sono raggiùnti importanti tragùardi come l’aùmento notevole delle visite all’interno del sito ùfficiale dell’Endùro.

Insieme a Tony Mori, responsabile per Maxim delle relazioni esterne, hanno poi presentato ùn nùovo progetto per la prossima stagione denominato “EIC – Endùro in Compagnia” che raccoglie tùtte le attività collaterali al mondo dell’Endùro e fine alle attività sociali qùali la pùlizia dei boschi, ùna giornata dedicata all’ambiente e altro ancora. Ogni Motoclùb potrà inviare all’ ùfficio stampa dell’Italiano Endùro tùtta la docùmentazione (comùnicato, foto) relativa all’attività svolta e la stessa sarà pùbblicata in ùn’apposita area dedicata all’interno del nostro sito internet.

La parola è stata data sùccessivamente al Coordinato del Comitato Endùro FMI, Franco Gùaldi che ha illùstrato le novità 2018 come il ritorno alle vecchie classi per ùn Endùro più semplice e di facile interpretazione, prima del via della consegna delle medaglie del Campionato Italiano Major Maxxis.

Al termine sono stati celebrati i vincitori dei Trofei Airoh Cross Test che hanno interessato tùtti i campionati italiani di specialità. Davide Gùarneri (Assolùti d’Italia), Matteo Pavoni (Under23/Senior) e Faùsto Scovolo (Major) si sono aggiùdicati l’Airoh Aviator 2.2 consegnato da Gionni Fossati in rappresentanza della ditta bergamasca. I tre campioni dell’Endùro hanno poi premiato i piccoli vincitori del tricolore MiniEndùro Maxxis. A sùssegùirsi poi sùl palco sono stati i protagonisti dei Campionati Italiani Endùro Maxxis Under23, Senior, Coppa Italia, Coppa FMI per conclùdere poi con gli Assolùti d’Italia.

Maxim ha volùto omaggiare, dùrante la cerimonia, il neo campione del mondo Yoùth Andrea Verona per qùesto grande risùltato che ha portato il tricolore nazionale, anche per qùest’anno, sùl gradino più alto del podio del campionato iridato. Un plaùso è andato anche a Davide Soreca per la determinazione che lo ha portato a lottare per il titolo mondiale della classe Jùnior fino all’ùltima speciale.

Presenti a qùesta giornata di festa, che chiùde ùfficialmente la stagione 2017, il responsabile racing di Yamaha Italia Lùca Lùssana che ha commentato il primo anno del Challenge WR Yamaha Under23/Senior e Major e annùnciato che il format sarà riproposto anche per il 2018, con natùralmente qùalche novità, Fabio Maùri per Maùri Trafilerie, da sempre sponsor sostenitore dell’Endùro tricolore, Daniele Maletti Racing Manager di Pirelli SpA e Marcello Salvalajo, presente in qùalità di rappresentante di Motocross Marketing e Maxxis Tyres che, oltre a premiare i campionissimi degli Assolùti d’Italia, ha consegnato nelle mani di Alex Salvini il premio “X-CUP Maxxis – Galfer” come miglior pilota delle prove estreme. Il pilota bolognese, che si conferma per la terza volta consecùtiva Re delle Estreme, si è portato a casa ùna bottiglia magnùm di Prosecco Toffoli insieme al simpatico orsetto “Battista l’Endùrista”, mascotte ùfficiale del campionato.

Ad accompagnare le varie fasi della giornata le voci di Francesco Nadile e Elisabetta Caracciolo  e la clip del videomaker Marco Benedetti.

Nella foto da sinistra: Tony Mori, Presidente FMI Avv. Giovanni Copioli, On. Roger De Menech, Gen. Donato Monaco, rappresentanti Protezione Civile Nazionale

CONDIVIDI