L’Italiano Enduro Under 23 e Senior si apre nel segno di Gardiol thumbnail

L’Italiano Enduro Under 23 e Senior si apre nel segno di Gardiol

La stagione 2021 del Campionato Italiano Enduro Under23/Senior è iniziata ad Arma di Taggia (IM) sotto il segno di Jordi Gardiol (KTM). Una gara ad alto tasso tecnico, organizzata in maniera impeccabile dal Motoclub Sanremo del presidente Danilo Benza – caodiuvato dai sodalizi Gentlemen Bordighera, Imperia e Riviera – le cui strade sono pronte ad offrire uno spettacolo “mondiale” nella non lontanissima stagione 2024. Ottima l’affluenza alla prima stagionale: sono stati ben 340 i riders a partecipare alla 75^ Due Valli. Gli enduristi si sono sfidati su un giro molto tecnico, lungo ben 47 km e ripetuto tre volte, diviso in due settori all’interno dei quali sono state disegnate tre speciali: Airoh Cross Test, Enduro Test ed Enduro Test 2.

La battaglia per la classifica assoluta ha visto Jordi Gardiol (foto) partire subito forte e conquistare la testa della gara fin dalla prima speciale. Il piemontese in sella alla KTM 250 4T ha portato a casa, oltre la vittoria assoluta e della classe 250 4T Senior, tre delle sei speciali di giornata, distanziando il sanmarinese Thomas Marini di 27 secondi. Il portacolori del Team Boano ha avuto la meglio, vincendo quindi la classe Senior 300 2T, su Michele Musso (Sherco Bike&Co) per appena 5 secondi. Marini è anche stato protagonista del fettucciato in riva al mare conquistando quindi il primo appuntamento del Trofeo Airoh Cross Test del Campionato Under23/Senior.

Nella 125 Senior il siciliano Giuliano Mancuso (Fantic – D’Arpa Racing) difende il titolo ottenuto nel 2020 con un bel trionfo su un combattivo Nicola Piccinini (GASGAS – Sissi Racing). Restando nelle classi dedicate alle piccole ottave di litro troviamo la vittoria comoda di Riccardo Fabris, su Fantic del Team Jet Racing, nella 125 Junior e il combattutissimo primo posto di Gabriele Pasinetti (Beta FR Motorsport) nella Cadetti che si impone per soli 6 secondi su Kevin Cristino (Fantic – D’Arpa Racing) e Daniele Delbono (Fantic – Jet Racing).

Le nuove leve della classe 50 hanno dovuto ri