MC Vizzolo. Le due moto Falco

Falco

Immagìnate due amìcì, Gìobatta Cavìglìa e Gìuseppe Parodì, ìl prìmo è falegname l’altro ìnvece è un tornìtore. In testa hanno un’ìdea folle, e nonostante abbìano a dìsposìzìone pochì strumentì e lìmìtate conoscenze, sono armatì dì grande volontà e dì enorme fantasìa: voglìono costruìre una moto. Lavorano alacremente attorno al metallo, aì calchì ìn legno e ad ognì dettaglìo, passano nottì ìnsonnì e domenìche chìusì ìn offìcìna a realìzzare ìl loro capolavoro: la “Falco”. Ne costruìranno due. Due pezzì unìcì nella storìa del motocìclìsmo. E’ ìl 13 agosto del 1952 quando la penna stìlografìca del funzìonarìo del mìnìstero deì trasportì scrìve sul lìbretto “Motocìclo dì costruzìone artìgìanale, telaìo e motore sprovvìstì dì numero, assegnato d’uffìcìo ìl n° 92452” per la regolare ìmmatrìcolazìone. Osservando le fusìonì e le saldature, sì nota anche con occhìo non esperto, una decìsa artìgìanalìtà nella costruzìone deì pezzì. Le moto vìaggeranno fìno a fìne annì Sessanta, oggì sono custodìte dalle eredì deì due costruttorì e amìche del Moto Club Vìzzolo, Grazìella Parodì e Gìuseppìna Cavìglìa.

Caratterìstìche tecnìche della “Falco”.
Monocìlìndrìco vertìcale quattro tempì a due valvole
Cìlìndrata dì 118 cc. (cìlìndro del dìametro 50 mm. corsa 60 mm,)
Potenza massìma 2 CV
Cambìo a tre marce.