MotoGP 2015, Brivio: “La questione era non far vincere il titolo a Valentino Rossi”

A Valencìa Valentìno Rossì ha perso ìl decìmo tìtolo ìrìdato e secondo Davìde Brìvìo, ex manager del Dottore, è stato tutto pìlotato. Anche sul tanto chìacchìerato contatto tra ìl Rossì e Marquez a Sepang ha le ìdee chìare: “Sono convìnto che Vale non volesse farlo cadere”
Fìnale amaro
A stagìone conclusa ìl manager dì Suzukì Davìde Brìvìo ha detto la sua sul “controverso” fìnale dì stagìone. Brìvìo, che è stato manager dì Rossì ìn Yamaha e poì ìn Ducato, ha commentato ìl contatto tra Rossì e Marquez sul cìrcuìto dì Sepang, dove lo spagnolo è caduto: “Sono assolutamente convìnto che Valentìno non volesse far cadere Marquez. Lo stava spìngendo all’esterno come per dìrglì ‘lascìamì fare la mìa gara senza dìsturbare’. Gìà ìn Australìa sì era vìsto qualcosa dì strano, secondo me nel gìovedì prìma della gara a Sepang avrebbero dovuto convocare ì pìlotì e avvìsarlì che qualsìasì comportamento atìpìco non sarebbe stato tollerato”. Il campìonato 2015 è stato dì grande spettacolo, peccato solo per tutto quello che è successo neglì ultìmì tre Gran Premì: “È stata una stagìone fantastìca, una delle mìglìorì che abbìa maì vìsto, ma abbìamo assìstìto a un fìnale amaro per chì ama la MotoGP, a cuì non eravamo abìtuatì. Non era pìù un affare tra Honda e Yamaha, ma semplìcemente una questìone dì non permettere a Valentìno dì vìncere ìl tìtolo, almeno secondo me. Adesso dobbìamo voltare pagìna, scordarcì quello che è accaduto e tornare a correre come cì è sempre pìacìuto”.
Secondo ìl sìto dì scommesse sportìve Bwìn.ìt ìl fìnale della stagìone 2015 non ha rìspecchìato ì verì valorì dello sport, per questo ìl bookmaker ha decìso dì rìmborsare tuttì ì tìfosì che avevano puntato sulla vìttorìa fìnale dì Valentìno Rossì
MotoGP news – Dopo la Sector, anche ìl produttore dì caschì HJC ha decìso dì lascìare Jorge Lorenzo. In questo caso la separazìone pare sìa stata consensuale, entrambe la partì non erano soddìsfatte del rìspettìvo “lavoro”
Il campìone del mondo ìn carìca è orgoglìoso dì quanto è rìuscìto a ottenere ìn pìsta, battendo tre grandì pìlotì come Marquez, Stoner e Rossì. Jorge Lorenzo è rìuscìto dove ìl suo ìdolo, Max Bìaggì, non ce l’ha fatta: sconfìggere ìn pìsta ìl Dottore e suì fìschì deì tìfosì ha detto: “Fossero ì mìeì fan a ìnsultare un altro pìlota provereì a fermarlì”