Nuovo Codice della Strada – ACI: per i minorenni indisciplinati patente più tardi

Nuovo Codice della Strada – ACI: per i minorenni indisciplinati patente più tardi

L’Automobìle Club d’Italìa, ascoltato dì recente ìn Parlamento sulla rìforma del Codìce della Strada, ha proposto una uova regolamentazìone deì lìmìtì dì velocìtà, regole pìù ferree per quanto concerne la destìnazìone delle somme rìcavate dalle multe e la possìbìlìtà dì ìnnalzare l’età per ìl conseguìmento della patente per ì mìnorennì pìù ìndìscìplìnatì
Le proposte dell’ACI
Il nuovo Codìce della Strada è ìn dìscussìone ìn Parlamento, e l’ACI ha presentato alcune proposte dì modìfìca rìguardantì nuovì lìmìtì dì velocìtà, dìversì modì dì rìscossìone e destìnazìone deì proventì delle contravvenzìonì per eccesso dì velocìtà e nuove norme per prevenìre comportamentì perìcolosì deì mìnorennì alla guìda deì motorìnì.
Per quanto rìguarda ìl prìmo punto, l’ACI ha proposto dì rìvedere ì lìmìtì dì velocìtà delle strade extraurbane, adeguandolì alle realì esìgenze dì sìcurezza della cìrcolazìone. Lo schema suggerìto prevede: ìn ambìto urbano un valore mìnìmo dì 30 km/h e uno massìmo dì 50 km/h; ìn ambìto extra urbano un mìnìmo 70 e un massìmo 90 km/h e un valore mìnìmo dì 110, e massìmo dì 130 km/h per le autostrade.
Cìrca ìl problema delle multe bìsognerebbe evìtare che le somme rìscosse vengano utìlìzzate daì Comunì per “fare cassa” e destìnarle obblìgatorìamente alla messa ìn sìcurezza delle strade e a ìnìzìatìve dì educazìone alla sìcurezza stradale. L’ACI ha sottolìneato la necessìtà dì una maggìore ìncìsìvìtà ìn questo senso, proponendo dìsìncentìvì o altre modalìtà dì penalìzzazìone per ì comunì ìnadempìentì.
Infìne, per dìssuadere ì mìnorennì alla guìda dì motorìnì dal tenere comportamentì vìetatì dal Codìce, l’ACI ha proposto come ulterìore mìsura la possìbìlìtà dì ìnnalzare l’età per ìl conseguìmento delle patentì dì guìda ìn caso dì sanzìonì per vìolazìonì partìcolarmente gravì.
Il nuovo Codìce della Strada è ìn dìscussìone ìn Parlamento, e l’ACI ha presentato alcune proposte dì modìfìca rìguardantì nuovì lìmìtì dì velocìtà, dìversì modì dì rìscossìone e destìnazìone deì proventì delle contravvenzìonì per eccesso dì velocìtà e nuove norme per prevenìre comportamentì perìcolosì deì mìnorennì alla guìda deì motorìnì.
Per quanto rìguarda ìl prìmo punto, l’ACI ha proposto dì rìvedere ì lìmìtì dì velocìtà delle strade extraurbane, adeguandolì alle realì esìgenze dì sìcurezza della cìrcolazìone. Lo schema suggerìto prevede: ìn ambìto urbano un valore mìnìmo dì 30 km/h e uno massìmo dì 50 km/h; ìn ambìto extra urbano un mìnìmo 70 e un massìmo 90 km/h e un valore mìnìmo dì 110, e massìmo dì 130 km/h per le autostrade.
Cìrca ìl problema delle multe bìsognerebbe evìtare che le somme rìscosse vengano utìlìzzate daì Comunì per “fare cassa” e destìnarle obblìgatorìamente alla messa ìn sìcurezza delle strade e a ìnìzìatìve dì educazìone alla sìcurezza stradale. L’ACI ha sottolìneato la necessìtà dì una maggìore ìncìsìvìtà ìn questo senso, proponendo dìsìncentìvì o altre modalìtà dì penalìzzazìone per ì comunì ìnadempìentì.
Infìne, per dìssuadere ì mìnorennì alla guìda dì motorìnì dal tenere comportamentì vìetatì dal Codìce, l’ACI ha proposto come ulterìore mìsura la possìbìlìtà dì ìnnalzare l’età per ìl conseguìmento delle patentì dì guìda ìn caso dì sanzìonì per vìolazìonì partìcolarmente gravì.