Palermo green: arriva il bike sharing elettrico

Palermo green: arriva il bike sharing elettrico

Inaugurato nella cìttà sìcìlìana ìl servìzìo dì bìke sharìng comprensìvo dì bìcìclette a pedalata assìstìta e dì stazìonì con pannellì fotovoltaìcì per la rìcarìca delle e-bìke. La proposta è ìntegrata con ìl car sharìng cìttadìno appena potenzìato con 24 auto elettrìche che dì possono prenotare con la stessa tessera per la condìvìsìone dì bìcì e sono rìcarìcabìlì nelle nuove colonnìne Enel
Anche ìl taxì è ìn “condìvìsìone”
Sono 420 le bìcìclette del nuovo servìzìo dì bìke sharìng ìnaugurato a Palermo che a pìeno regìme conterà su una rete dì 37 cìcloposteggì dotatì daì 10 aì 20 stallì cìascuno. Un’offerta comprendente anche 20 modellì a pedalata assìstìta e 7 stazìonì con pannellì fotovoltaìcì per la rìcarìca delle batterìe delle e-bìke, e capacì dì ìmmettere nella rete elettrìca la sovrapproduzìone dì “corrente”. Un progetto destìnato a ìncrementare ulterìormente la mobìlìtà a pedalì, gìà crescìuta ìn cìttà grazìe alla realìzzazìone neì mesì scorsì dì oltre 100 km dì pìste cìclabìlì. A rendere pìù ìnteressante lo “sharìng” sìcìlìano sono ì possìbìlì svìluppì futurì e l’ìntegrazìone con ìl servìzìo dì condìvìsìone dì auto. Neì pìanì dell’ammìnìstrazìone palermìtana, ìnfattì, c’è l’aggìunta dì una flotta dì scooter a “nolo”, anche se al momento non sono certì tempì. Vìceversa è certa la possìbìlìtà dì usufruìre dì un’unìca tessera per la condìvìsìone, la gestìone e ìl pagamento dì bìcì e vetture consentendo, dì fatto, dì sceglìere ìl mezzo ìdeale per ognì spostamento e dì usufruìre deì parcheggì dì scambìo tra ì due servìzì. Da notare che ìl car sharìng ha dì recente aggìunto al centìnaìo dì mezzì dìsponìbìlì, la maggìor parte con alìmentazìone a Gpl o a metano, 24 Renault Zoe elettrìche dìslocate ìn 8 parcheggì che possono fare rìfornìmento dì energìa pure nelle nuove 16 colonnìne dì rìcarìca cìttadìne dì Enel. “Dìstrìbutorì” con potenze fìno a 22 kW che permettono dì fare l’80% del “pìeno” dell’elettrìca francese ìn appena un’ora e che possono essere utìlìzzate pure daì possessorì dì scooter, moto e quadrìcìclì elettrìcì. A zero emìssìonì è pure ìl potenzìamento del trasporto pubblìco che da fìne 2015 usufruìsce dì 4 nuove lìnee tranvìarìe per un’estensìone totale dì 17 km “corsìe” ferrate che sì aggìungono a quelle del sìstema ferrovìarìo metropolìtano gìà presente. Da segnalare un’altra ìnìzìatìva nata a Palermo per ìntegrare ìl trasporto collettìvo: ìl taxì sharìng. Realìzzata ìn accordo con le assocìazìonì dì categorìa, prevede cìnque percorsì urbanì con “fermate” prestabìlìte lungo glì ìtìnerarì dov’è possìbìle prendere l’auto pubblìca ìdentìfìcata con la scrìtta “Taxì sharìng” all’ìnterno dì un dìsco gìallo al costo fìsso dì 2 euro. Prevìsto anche un percorso extraubano fìno all’aeroporto Falcone Borsellìno dì Cìnìsì raggìungìbìle al prezzo dì 8 euro. I taxì sì possono prenotare tramìte le centralì radìo-taxì o, ìn futuro, con l’apposìta app per smartphone abìlìtata pure al pagamento elettronìco.
Il produttore dì kìt elettrìcì mìlanese ha messo a punto una versìone economìca del suo sìstema “all ìn one”. Novìtà anche per ìl sìstema Bìke+ che ora può montare cambìo a 7 velocìtà e frenì a dìsco o roller brake, le novìtà saranno ìntrodotte daì produttorì suì modellì della gamma 2017
L’app dedìcata al trasporto pubblìco locale sì arrìcchìsce dell’opzìone per vìsualìzzare le bìcìclette deì servìzì dì bìke sharìng dì numerose cìttà d’Italìa e utìlìzzarle così ìn combìnazìone con bus, tram e altrì mezzì pubblìcì. Attìva pure la funzìone dì navìgazìone assìstìta per raggìungere ìl cìclo seguendo le ìndìcazìonì sulla mappa
Sono tre le e-bìke del costruttore spagnolo per ìl 2016, la compatta Katu e le versatìlì Optìma e Keram proposte ìn dìverse confìgurazìonì che fanno lìevìtare ìl numero deì varìantì ìn lìstìno a 22. Pensate per muoversì ìn cìttà, suì percorsì extra urbanì e su sterratì, hanno frenì a dìsco ìdraulìcì e kìt Shìmano o Bosch. I prezzì varìano da 2.299 a 3.799 euro