Parco avventura Sportiva: la Val d’Agri si mette in moto!
Parco avventura Sportiva: la Val d’Agri si mette in moto!

Parco avventura Sportiva: la Val d’Agri si mette in moto!


Parco Avventura Sportiva: la Val d’Agri si mette in moto. E’ questo il progetto sportivo multidisciplinare, con al centro dello stesso il motociclismo, con cui il Moto Club Val d’Agri partecipa al Bando “Sport – L’importante è partecipare”, previsto e redatto dalla Fondazione Con il Sud.

L’Amministrazione Comunale di Marsicotevere (PZ) – luogo dove sorgerebbe il Parco – e altre associazioni dislocate sul territorio sono i partners istituzionali di un’iniziativa lodevole, proposta da un sodalizio che vanta un’affiliazione decennale alla Federazione Motociclistica Italiana. Il piano di realizzazione prevede l’utilizzo dell’area messa a disposizione dal Comune di Marsicovetere per realizzare una pista da endurcross di 30mila mq con ostacoli e serpentine nel rispetto delle misure previste dalla Federazione Motociclistica Italiana, per consentire lo svolgimento di attività amatoriale con possibilità di istruttori che facciano formazione sia sulla parte tecnica del funzionamento dei mezzi sia sull’aspetto posturale-tecnico di guida. Contestualmente, è prevista la realizzazione di una pista ciclabile lungo tutto il perimetro dei 27 ettari, per cimentarsi con il ciclismo fuoristrada, di una parete attrezzata per arrampicata (grazie alla partnership con l’associazione ‘I Briganti della Montagna’) e dell’installazione di un traliccio per praticare bungee jumping. Obiettivo di fondo è quello di far convergere tante passioni e organizzare eventi, raduni e competizioni. Un’offerta sportiva multidisciplinare, integrata ed inclusiva, quella ideata e pensata dal Moto Club Val d’Agri, che mira al coinvolgimento delle persone valligiane e non solo, attraverso la promozione della pratica sportiva e della vita in natura in quanto fondamentali valori sociali.

Il progetto è ecosostenibile e mira ad avere una visibilità non solo locale, ma anche interregionale e nazionale, per testimoniare quanto lo sport possa essere veicolo di valori positivi e socializzazione.