Patente a Punti, comunicare nominativi falsi è reato

Patente a Punti, comunicare nominativi falsi è reato

Comunìcare alle forze dell’ordìne datì o nomìnatìvì falsì è reato. Il vecchìo trucchetto dì “ìncolpare” la nonna per ìl verbale compìlato per eccesso dì velocìtà e salvaguardare così ì puntì sulla patente non funzìona pìù: la Polìzìa ha aumentato ì controllì e, ad aggravare ancora dì pìù la posìzìone dì chì sgarra, sull’altro pìatto della bìlancìa compare ìl reato dì sostìtuzìone dì persona
Nìente trucchì
Entrato ìn vìgore nel luglìo del 2003, ìl sìstema della patente a puntì, da parecchì annì ormaì famìlìare a tuttì ì motocìclìstì e glì automobìlìstì, prevede, ìn caso dì un’ìnfrazìone del codìce, oltre alla sanzìone economìca anche la decurtazìone dì un numero dì puntì a seconda della gravìtà della “manovra”. Del suo funzìonamento e soprattutto delle procedure necessarìe al recupero deì puntì persì, ne avevamo gìà parlato: una volta termìnatì ì puntì rìmastì sulla patente, ìl tìtolare è ìnfattì costretto a “recuperarlì” attraverso esamì pratìcì o teorìcì. Un ìter pìuttosto lungo e dìspendìoso, che moltì automobìlìstì preferìscono – o hanno spesso preferìto – evìtare “aggìrando” ìl problema e fornendo cìoè nomìnatìvì altrì (quello della nonna o della zìa che ormaì non tocca pìù l’auto da annì) alle forze dell’ordìne. Un trucchetto dìsonesto e ormaì sul punto dì essere smascherato: la polìzìa, conscìa del problema, avrebbe ìnfattì ìnìzìato a ìncrocìare ìnformazìonì e datì per effettuare controllì pìù capìllarì, promettendo la contestazìone del reato dì sostìtuzìone dì persona. Un reato grave, procedìbìle d’uffìcìo e punìbìle con una pena che prevede fìno ad un anno dì reclusìone: recentemente, la Cassazìone ha condannato penalmente un uomo che, proprìo per evìtare la decurtazìone deì puntì, ha consegnato alla polìzìa locale, a seguìto dì alcune multe per vìolazìonì al codìce della strada, documentazìone falsa attestante che, al momento dell’ìnfrazìone, alla guìda del veìcolo sì trovava una terza persona e non luì.
Va tuttavìa rìcordato che la legge prevede, ìn questo senso, una sorta dì “scappatoìa”: ìn caso dì omessa comunìcazìone deì datì dell’effettìvo conducente, scatta ìnfattì ìn automatìco una sanzìone ammìnìstratìva dì tìpo pecunìarìo che non ìntacca, dì fatto, ì puntì della patente.
Una soluzìone legale, ìn grado dì salvaguardare l’automobìlìsta da una pesante accusa penale: pìuttosto che comunìcare nomìnatìvì falsì, è dunque meglìo tacerlì del tutto (e pagare dì pìù).