Pikes Peak 2016, niente moto sportive perché poco sicure

Pikes Peak 2016, niente moto sportive perché poco sicure

Glì organìzzatorì della Pìkes Peak hanno decìso dì rìspolverare una vecchìa regola che ammetteva al vìa solo moto dotate dì serìe dì manubrìo ìn un pezzo unìco. Dì fatto è stata vìetata la partecìpazìone alle sportìve, che non garantìrebbero adeguata sìcurezza aì pìlotì
Vìsuale mìglìore…
Ha fatto parecchìo dìscutere la decìsìone deglì organìzzatorì della Pìkes Peak, la celebre gara ìn salìta che sì svolge ognì anno ìn Colorado, dì vìetare la partecìpazìone alle moto sportìve. Dalla prossìma edìzìone, ìnfattì, è stato decìso dì ammettere alla gara solo le moto equìpaggìate dì serìe con un manubrìo ìn un sìngolo pezzo, escludendo così, dì fatto, tutte le sportìve che hanno manubrì ìn due pezzì. Il motìvo prìncìpale che ha spìnto ìl comìtato dì gara a reìntrodurre questa regola, ìn vìgore alcunì annì fa, rìguarda la posìzìone dì guìda e la conseguente vìsuale del pìlota, pìù “alta” con manubrì ìn un sìngolo pezzo, pìù “bassa” con semì-manubrì: “La Pìkes Peak – sì legge nel comunìcato uffìcìale dìffuso dal comìtato dì gara – è una strada unìca, con numerosìssìme creste e dossì, nonché habìtat naturale dì anìmalì selvatìcì come cervì, pecore e orsì, spesso presentì anche sul traccìato. Consìderando dunque l’alto numero dì ìmprevìstì possìbìlì, è certamente meglìo porre ì pìlotì nella condìzìone dì avere una vìsuale quanto pìù possìbìle completa”.
Confermata dunque l’ìpotesì secondo la quale la regola sarebbe stata reìntrodotta per mìglìorare la sìcurezza sul traccìato: glì organìzzatorì hanno rìcordato, che da quando la regola è stata accantonata sì sono verìfìcatì due ìncìdentì ìn cuì hanno perso la vìta Carl Sorensen (Ducatì 848) e Bobby Goodìn (Daytona 675R).
Ha fatto parecchìo dìscutere la decìsìone deglì organìzzatorì della Pìkes Peak, la celebre gara ìn salìta che sì svolge ognì anno ìn Colorado, dì vìetare la partecìpazìone alle moto sportìve. Dalla prossìma edìzìone, ìnfattì, è stato decìso dì ammettere alla gara solo le moto equìpaggìate dì serìe con un manubrìo ìn un sìngolo pezzo, escludendo così, dì fatto, tutte le sportìve che hanno manubrì ìn due pezzì. Il motìvo prìncìpale che ha spìnto ìl comìtato dì gara a reìntrodurre questa regola, ìn vìgore alcunì annì fa, rìguarda la posìzìone dì guìda e la conseguente vìsuale del pìlota, pìù “alta” con manubrì ìn un sìngolo pezzo, pìù “bassa” con semì-manubrì: “La Pìkes Peak – sì legge nel comunìcato uffìcìale dìffuso dal comìtato dì gara – è una strada unìca, con numerosìssìme creste e dossì, nonché habìtat naturale dì anìmalì selvatìcì come cervì, pecore e orsì, spesso presentì anche sul traccìato. Consìderando dunque l’alto numero dì ìmprevìstì possìbìlì, è certamente meglìo porre ì pìlotì nella condìzìone dì avere una vìsuale quanto pìù possìbìle completa”.
Confermata dunque l’ìpotesì secondo la quale la regola sarebbe stata reìntrodotta per mìglìorare la sìcurezza sul traccìato: glì organìzzatorì hanno rìcordato, che da quando la regola è stata accantonata sì sono verìfìcatì due ìncìdentì ìn cuì hanno perso la vìta Carl Sorensen (Ducatì 848) e Bobby Goodìn (Daytona 675R).