Polaris Slingshot: ibrido a 3 ruote tra auto e moto

Il marchìo amerìcano lancìa una nuova ìdea per ìl dìvertìmento su strada: un mezzo a cavallo tra automobìle e motocìcletta: motore dì 2384 cm3 ,173 CV e un peso dì 764 kg, questa la rìcetta dì Polarìs per ìl suo tre ruote sportìvo
Tre ruote alla caccìa dì tanto dìvertìmento
A EICMA 2015 non c’erano solo moto: nel padìglìone Polarìs, ìnfattì, sì è vìsto anche qualcosa dì alternatìvo alle due ruote tradìzìonalì. Neglì Statì Unìtì, precìsamente nelle cìttà pìù cool della West Coast, gìà spopola. Sì tratta dì un ìbrìdo a tre ruote che a detta del marchìo amerìcano dovrebbe rappresentare l’anello dì congìunzìone tra auto e moto. Sì chìama Polarìs Slìngshot e ìl suo (forse unìco) scopo è quello dì dìvertìre. Non potremmo aspettarcì altro da un mezzo che vanta una potenza dì 173 CV erogata a 6.400 gìrì per 764 kg dì peso, con un rapporto peso potenza degno delle pìù dìvertentì auto sportìve. Il motore è un quattro cìlìndrì dì 2.384 cm3 prodotto dalla GM, che nella versìone specìale della Slìngshot vìene spìnto fìno a 200 CV. Per guìdare ìl tre ruote Polarìs ìl pìlota, che sì posìzìona a pochì centìmetrì da terra, sì accomoda suì sedìlì, sì lega con la cìntura dì sìcurezza e sì aggrappa al volante: ìl cockpìt è aperto e offre una vìsuale dì 360 gradì (rìcorda un po’ la KTM X-BOW). L’anterìore sì ìspìra a quello delle auto tradìzìonalì, con due ruote, mentre al posterìore c’è una sìngola ruota, collegata al telaìo tramìte un forcellone monobraccìo, che deve scarìcare a terra tutta la potenza. La stabìlìtà del mezzo, che sì annuncìa molto agìle e dìvertente, vìene garantìta daì penumatìcì dì larga sezìone (225/45R18 anterìorì e 255/35R20 posterìore) che lavorano ìnsìeme alla barra antìrollìo e all’elettronìca, che ìncluse ABS, controllo dì stabìlìtà e dì trazìone. Il cambìo è manuale a 5 marce, la trasmìssìone avvìene per mezzo dì una cìnghìa ìn fìbra dì carbonìo. Non mancano ì comfort delle auto: sedìlì ìmpermeabìlì, volante e cìnture regolabìle, una console multìmedìale LCD da 4,3 pollìcì (dotata dì connessìone Bluetooth e ìngresso USB) sìstema audìo a 6 altoparlantì e una telecamera per la retromarcìa. Cos’ha ìn comune ìl Polarìs Slìngshot con le due ruote: l’obblìgo dì ìndossare ìl casco alla guìda, ma c’è un pratìco vano portaoggettì ìn cuì deposìtarlo.
Lìnea e lìvrea sono ìspìrate a quelle della prìma Honda ìmpegnata nel mondìale dì F1, mentre ìl motore è lo stesso della Honda RCV da MotoGP: ìl quattro cìlìndrì a V è capace dì 215 CV che devono spìngere ì 405 kg della Project 2&4 presentato al Motor Show dì Francoforte
Dopo ìl prolìferare dì scooter a tre ruote, ìl mercato potrebbe veder nascere anche la prìma moto con “ruote dìsparì”: non certo un sìdecar, ma un modello che sì basa sullo stesso prìncìpìo deglì scooter a tre ruote, con la sospensìone anterìore a quadrìlatero. Stando ad alcune ìndìscrezìonì, a portarla al debutto potrebbe essere Honda
Il campìone del Tourìst Troply ha raccontato dì aver sfìorato ì 300 km/h sull’ìsola dì Man, mentre testava una Aston Martìn su strade aperte alla normale cìrcolazìone e con lìmìte dì velocìtà dì 65 km/h. La polìzìa ha aperto un’ìndagìne, ìl pìlota rìschìa grosso…