Riunione virtuale dei Referenti Regionali di Educazione Stradale


“Auguro a tutti un buon lavoro!”. Con queste parole si è concluso l’ampio ed articolato saluto che il Presidente FMI, Giovanni Copioli, che ha aperto la riunione annuale dei referenti regionali di educazione stradale tenutasi domenica 19 aprile. Durante l’incontro organizzato dal Dipartimento, avvenuto in modalità virtuale,  si è tracciato un resoconto dell’attività nazionale 2019 e presentando le prossime iniziative in programma, dando poi voce a tutti i progetti realizzati nelle diverse regioni dai formatori.

Nell’occasione è stata presentata la seconda edizione del corso di formazione per referenti regionali (da realizzare con la collaborazione del prof. Borellini e del Dipartimento di Formazione FMI) che partirà il 4 maggio, al quale saranno chiamati a partecipare i referenti regionali, con l’obiettivo di affinare la loro preparazione. Una opportunità di crescita per tutti.

Lo scambio di informazioni tra i responsabili delle diverse regioni ha permesso di mettere in luce differenze operative ma anche identità di obiettivi, in una ottica di condivisione. Programmi e materiali sono infatti a disposizione di tutti i formatori, a patto che essi siano utilizzati nel rispetto delle regole e degli obiettivi del Dipartimento. Si è così parlato di Guida Sicura Avanzata e delle sue prospettive di sviluppo,  di “Io … non me la bevo!”, di “Piccole ruote crescono” e di tante iniziative in cantiere, come “In moto a scuola”, nell’ambito del più ampio Scuole Aperte allo Sport.

E’ stata l’occasione anche per la presentazione di due moduli formativi da indirizzare alle scuole medie inferiori, che il Dipartimento sta proponendo e realizzando nelle scuole in questo periodo di formazione a distanza. “Mettiamo in moto la sicurezza” è un progetto che porta in primo piano il concetto di sicurezza, prendendo spunto dalla sicurezza attiva e passiva motociclistica, arrivando alla sicurezza sanitaria necessaria per superare l’epidemia in corso. Si tratta dunque di una idea  attuale, che il Dipartimento propone agli insegnanti nell’ambito  del programma curriculare, da dedicare a “cittadinanza e costituzione”.

La riunione è stata preparata, condotta e curata da Enrico Garino, Francesca Marozza, Federica Pedullà e dal consigliere Ettore Pirisi.