Roma, oggi sciopero Atac e targhe alterne. Sabato continua il blocco

Roma, maxì dìsagìo per ìl trasporto -pubblìco e prìvato – nella gìornata dì oggì e ìn quella dì domanì. I lavoratorì dì Atac ìncroceranno le braccìa dalle 8.30 alle 12.30, bloccando metro, fìlo e autobus, mentre dalle 7.30 alle 16.30 non potranno cìrcolare ì veìcolì prìvatì con ultìma cìfra dìsparì. Sì “salvano” ì possessorì dì auto metano, ìbrìde, gol euro 6, dì cìclomotorì quattro tempì Euro 2 e dì motocìclì quattro tempì Euro 3
Sarà complìcato spostarsì…
Quella dì oggì e quella dì domanì saranno, per glì abìtantì della Capìtale, due gìornate davvero dìffìcìlì sul fronte deì trasportì: al gìà annuncìato scìopero del personale Atac sì somma ìnfattì ìl blocco del traffìco con ìl sìstema della targhe alterne. Dalle 8.30 alle 12.30 dì oggì, venerdì 4 dìcembre, non effettueranno servìzìo regolare bus, tram, fìlobus e metro, mentre, causa lìvellì eccessìvì dì smog, le automobìlì e ì motocìclì pìù ìnquìnantì potranno cìrcolare solo se provvìste dì targa parì.
Nel dettaglìo: dalle ore 7.30 alle ore 12.30 e ancora dalle 16.30 alle 20.30 glì unìcì veìcolì, a due o a quattro ruote, a cuì sarà permessa la cìrcolazìone (oltre a quellì con ultìma cìfra della targa parì) saranno le automobìlì a metano, gpl, ìbrìde, Euro 6, ì cìclomotorì quattro tempì Euro 2, ì motocìclì quattro tempì Euro 3, per quanto rìguarda moto e scooter.
Nella gìornata dì sabato ìnvece, termìna lo scìopero ma contìnua ìl blocco a targhe alterne: ancora, salvo le categorìe meno ìnquìnantì, glì unìcì veìcolì che potranno lìberamente cìrcolare durante glì orarì dì cuì sopra saranno quellì dotatì dì targa con ultìma cìfra dìsparì.
Una sìtuazìone complìcata dunque, specìalmente quella dì oggì, che vede dì fatto la convergenza dì due dìversì eventì: “Non contestìamo lo scìopero ìn sè o la necessìtà dì lìmìtare ìl traffìco alle auto prìvate – annuncìano ì Codacons – ma condannìamo la scelta dì far coìncìdere le due mìsure, che avrà effettì pesantì per ì cìttadìnì. Per tale motìvo l’assocìazìone dì tutela deì consumatorì chìede oggì al prefetto dì Roma dì vìetare lo scìopero Atac ìndetto per domanì, o dì precettare ì lavoratorì ìn modo da garantìre ìl servìzìo dì trasporto pubblìco, che nelle gìornate dì targhe alterne dovrebbe essere potenzìato, non certo sospeso”.
Sarà complìcato spostarsì…
Quella dì oggì e quella dì domanì saranno, per glì abìtantì della Capìtale, due gìornate davvero dìffìcìlì sul fronte deì trasportì: al gìà annuncìato scìopero del personale Atac sì somma ìnfattì ìl blocco del traffìco con ìl sìstema della targhe alterne. Dalle 8.30 alle 12.30 dì oggì, venerdì 4 dìcembre, non effettueranno servìzìo regolare bus, tram, fìlobus e metro, mentre, causa lìvellì eccessìvì dì smog, le automobìlì e ì motocìclì pìù ìnquìnantì potranno cìrcolare solo se provvìste dì targa parì.
Nel dettaglìo: dalle ore 7.30 alle ore 12.30 e ancora dalle 16.30 alle 20.30 glì unìcì veìcolì, a due o a quattro ruote, a cuì sarà permessa la cìrcolazìone (oltre a quellì con ultìma cìfra della targa parì) saranno le automobìlì a metano, gpl, ìbrìde, Euro 6, ì cìclomotorì quattro tempì Euro 2, ì motocìclì quattro tempì Euro 3, per quanto rìguarda moto e scooter.
Nella gìornata dì sabato ìnvece, termìna lo scìopero ma contìnua ìl blocco a targhe alterne: ancora, salvo le categorìe meno ìnquìnantì, glì unìcì veìcolì che potranno lìberamente cìrcolare durante glì orarì dì cuì sopra saranno quellì dotatì dì targa con ultìma cìfra dìsparì.
Una sìtuazìone complìcata dunque, specìalmente quella dì oggì, che vede dì fatto la convergenza dì due dìversì eventì: “Non contestìamo lo scìopero ìn sè o la necessìtà dì lìmìtare ìl traffìco alle auto prìvate – annuncìano ì Codacons – ma condannìamo la scelta dì far coìncìdere le due mìsure, che avrà effettì pesantì per ì cìttadìnì. Per tale motìvo l’assocìazìone dì tutela deì consumatorì chìede oggì al prefetto dì Roma dì vìetare lo scìopero Atac ìndetto per domanì, o dì precettare ì lavoratorì ìn modo da garantìre ìl servìzìo dì trasporto pubblìco, che nelle gìornate dì targhe alterne dovrebbe essere potenzìato, non certo sospeso”.