Rubin domina anche l’ultima prova dell’Italiano Regolarità

Rubin domina anche l’ultima prova dell’Italiano Regolarità

Anche l’ultima prova di questa stagione agonistica fortemente condizionata dal Covid-19 è stata baciata dal sole. La località bergamasca di Rogno e gli organizzatori del Moto Club Sebino hanno accolto i piloti del Gruppo 5 di Regolarità durante la giornata di domenica 25 ottobre, quando è andata in scena l’ultima gara del Campionato Italiano. In 149 si sono schierati ai nastri di partenza per affrontare i 30 chilometri di percorso (da ripetere tre volte) e le due prove speciali (una linea non cronometrata al primo passaggio e un fettucciato) disegnate dal sodalizio orobico presieduto da Costante Bontempi. Denominata ‘Trofeo Valle dell’Orso’, anche la quarta prova del Campionato Italiano di Regolarità è stata organizzata in collaborazione con la De Petri Adventure.

Al termine della competizione che ha visto sfidarsi, nell’ordine, i primi 50 classificati dell’Assoluta di Pietralunga (dove a metà settembre si sono svolte la prima e la seconda prova del 2020) e poi a seguire tutti gli altri partecipanti suddivisi nelle loro rispettive classi, i più veloci sono stati Matteo Rubin, Paolo Giulietti e Osvaldo Armanni, artefici di una performance che li ha visti piazzarsi nella prime tre posizioni, racchiusi in poco più di 25 secondi.

Conclusa la gara di domenica, si sono confermati al vertice delle rispettive categorie i seguenti piloti: Luca Santucci (Moto Club Alassio) su Gilera 50 nella A1, Alessandro Degano (Moto Club La Marca Trevigiana) su KTM 100 nella A2, Marco Genevini (Gilera Club Arcore) su Husqvarna 125 nella A3, Maurizio Milini (Moto Club Rs77) su KTM 250 nella A5, Alfredo Gamba (Moto Club Careter – Imerio Testori) su Moto Morini 160 nella B2, Giancarlo Donadio (Moto Club Salerno) su Honda 248 nella B3, Angelo Ceribelli (Gilera Club Arcore) su Fantic Motor 50 nella C1, Enzo Vescia (Gilera Club Arcore) su Gilera Elmeca 125 nella C3, Giorgio Balzarini (Moto Club Rs77) su Puch Frigerio 250 nella C5, Philip Sparer (Moto Club Manzano) su Maico 500 nella C6, Angelo Signorelli (Moto Club Bergamo) su Fantic Motor 80 nella D2, Paolo Spadoni (G.S. Sorci Verdi) su Puch Frigerio 248 nella D5, Paolo Giulietti (Scuderia Fulvio Norelli) su KTM 490 nella D6, Mattia Milini (Moto Club Rs77) su KTM 125 nella X2, Matteo Rubin (Moto Club Manzano) su KTM 250 nella X3, Andrea Purinan (Moto Club Manzano) su Honda 350 nella X4, Gianpaolo Bergamaschi (Gilera Club Arcore) su BMW 800 nella X6, Gabriele Ferrandi (Motorace Treviglio) su Vent Hm 50 nella E1, Giorgio Gotti (Motorace Treviglio) su Vent Hm 125 nella E2 e Mirko Marone (Moto Club Chieve) su Hm 80 nella T80RS.

Rispetto alla gara di sabato 24 ottobre, hanno invece cambiato il vincitore di giornata le seguenti classi: la A4, che ha visto il pronto riscatto di Paolo Sala (Gilera Club Arcore) su Zundapp 175 dopo il ritiro del giorno prima; la C2, con Giovanni Pieroni (Moto Club Valdibure Pistoiese) e la sua Aim 75 primi dopo il quarto posto rimediato nella gara di sabato; la C4, che ha registrato il successo di Marco Bianchi (Scuderia Fulvio Norelli) su Puch Frigerio 175 dopo il secondo posto ottenuto nella giornata precedente; la D1, finita nella mani di Roberto Gaiardoni (Moto Club Parini) su Fantic Motor 49 dopo il deludente quarto posto rimediato il giorno prima; la D3, che ha visto il successo di Marco Costa (Moto Club Roero) in sella alla sua Fantic Motor 125 dopo il secondo posto di sabato; la D4, con Luca Murer (SWM 175) del Grumello Benini Vintage che ha vinto l’avvincente duello con Maurizio Bettini e la X1, che ha registrato il successo di Mauro Varaschin (Moto Club Treviso) su Aim 50 dopo il terzo posto del giorno prima.

Fra le squadre, il Trofeo ha visto il trionfo del Gilera Club Arcore grazie ai primi posti ottenuti dai suoi portacolori, Enzo Vescia, Marco Genevini e Paolo Sala; al secondo posto si è piazzato il Grumello Benini Vintage con i piloti Sergio Belussi, Marco Calegari e Gianluca Corsini e al terzo la Scuderia Fulvio Norelli con i piloti Marco Bianchi, Valerio Signorelli e Paolo Grassi. Il Vaso si è invece saldamente confermato nelle mani del Grumello Benini Vintage, grazie alla performance agonistica di Luca Murer, Davide Mandotti e Giorgio Nembrini; al secondo posto si è piazzata la Scuderia Fulvio Norelli con i piloti Paolo Giulietti, Giorgio Magistrati e Marzio Stefanoni e al terzo il Moto Club Pantera con i piloti Maurizio Bettini, Mario Graziani e Stefano Taglietti.