Sicurezza e innovazione in FMI per sperimentare le nuove frontiere del Mototurismo

Sicurezza e innovazione in FMI per sperimentare le nuove frontiere del Mototurismo


Le premiazioni dei campioni 2018 del mototurismo FMI, equiparate per la prima volta a quelle dello sport con il logo del Coni sulle medaglie ed attestati nominativi, hanno rappresentato l’occasione giusta per Rocco Lopardo, Presidente della Commissione Turismo e Tempo Libero, per illustrare ai mototuristi i risultati raggiunti durante l’anno in corso, i cambiamenti già in essere, nonché le novità previste per il 2019.

Quest’anno, da 290 manifestazioni nel 2017 si è passati a circa 700 eventi, di cui oltre la metà di nuove tipologie turistiche diverse dal tradizionale motoraduno, con il valore aggiunto del Trofeo delle Regioni che ha convinto nuovi utenti a partecipare ad un evento FMI; esperienza da non perdere per gli anni a venire, facendo gruppo come singole regioni per poi diventare, tutti insieme, Italia.

I Moto Club e il mototurismo hanno un notevole valore sociale per l’aggregazione che propongono ma anche un cospicuo valore economico per l’indotto; quest’anno, in 700 comunità l’economia locale ne ha giovato. La FMI, consapevole di tale valenza, ha commissionato una ricerca di mercato con certificazione del dato economico affidata ad una società specializzata, i cui risultati sono pubblicati sul sito web federmoto.it.

Il 2018 è stato un anno ricco di soddisfazioni con la vittoria dell’Italia al Rally FIM in Lituania, due italiani vincitori del Fim World Tour Challenge, campionato del mondo turismo, Salvatore Varallo del Moto Club 598 e Roberto Natali del Moto Club Gottlieb Daimler, ed un Master 40, Luigi Enzo Grano, nella prestigiosa classifica Meritum Fim.

Giovanni Copioli, Presidente della FMI, è stato inoltre eletto in un nuovo prestigioso incarico internazionale nel Board of Directors, il Consiglio di Amministrazione della FIM, composto da dodici membri più il presidente. Ben 52 nazioni hanno votato Italia nel corso delle elezioni.

Il Presidente Lopardo ha poi illustrato alcune novità in rampa di lancio. Per l’anno nuovo si darà spazio a nuove tipologie di eventi quali il Vintage Heroes – turismo su strada a lunghe percorrenze per moto d’epoca – e il Motorbike Orientering, con collegamento a nuova App che fornirà ai mototuristi dei messaggi il giovedì con coordinate gps di località da visitare per ottenere omaggi offerti da vari partner della FMI.

Lopardo ha poi parlato delle nuove frontiere dell’Ecoturismo comunicando la firma del protocollo con i Carabinieri forestali che consentirà ai mototuristi di visitare nuove aree boschive e montane. L’anno scorso, nel Parco Nazionale Aveto in Liguria, circa 100 maxienduro lo hanno attraversato per 42 km in uno scenario naturalistico incredibilmente bello ed incontaminato. Sono state regalate, a compensazione, numerose piante e questo gesto ha favorito la candidatura della FMI ad un premio internazionale.

Per spronare al turismo e invogliare a visitare l’Italia, l’anno prossimo si estenderà anche al campionato per moto club la regola che quest’anno è stata applicata a quello individuale, che premia per il maggior numero di Regioni visitate con iscrizione di almeno tre soci del moto club. In caso di parità in classifica si terrà conto del maggior numero complessivo di soci iscritti. Per il campionato individuale, si inseriranno più fasce di età. Si sta lavorando, inoltre, alla ricostruzione dell’albo storico dei campioni del mototurismo.

Un’altra notizia diffusa da Rocco Lopardo è che cambieranno i motoraduni itineranti in merito ai check point, che rimarranno, ma non daranno punti aggiuntivi ma solo dei premi, al fine di rimarcare l’idea che lo scopo vero del mototurismo è visitare l’Italia e non fare solo raccolta di punti.

Anche nel campo della sicurezza ci saranno novità grazie all’attività della Commissione Sicurezza, fortemente voluta dal Presidente Copioli. La Commissione, coordinata dal Consigliere Ettore Pirisi, fa consulenza sul tema a 360° per tutte le specialità e la sua presenza si rileva anche nell’App, ad esempio nella possibilità per i motociclisti di inserire alert su criticità stradali a favore di altri utenti che passeranno dopo in quel luogo. La Commissione, inoltre, raccoglie dati su incidentalità stradale, organizza corsi ed eventi per sensibilizzare sui rischi connessi alla guida ed ha predisposto un vademecum per i moto club che organizzano eventi su come predisporre il piano sicurezza di evacuazione.

C’è poi il settore della formazione, diretto dal Consigliere Raffaele Prisco, con i corsi di guida sicura per aprire la mente dei motociclisti, sviluppare il gesto tecnico e migliorare la tecnica di guida per una guida sicura su strada.