Supermarecross al via. Ecco Kiara Fontanesi!


La stagione del Motocross su sabbia è alle porte. Ad aprire le danze è, come ormai tradizione, la pista di Rosolina Mare, in provincia di Rovigo, dove domenica 16 febbraio scatta la prima prova degli Internazionali d’Italia Supermarecross – trofeo Gaetano Di Stefano, con l’organizzazione moto club Rosolina Mare.

Molti piloti di primo piano utilizzeranno la gara sulla spiaggia di Rosolina, e anche la successiva a Maccarese, per completare la preparazione in vista della stagione sulle piste tradizionali. Non mancheranno, naturalmente, i campioni in carica Mx1 e Mx2, Giovanni Bertuccelli e Matteo Del Coco, entrambi in gara con le KTM del team Pardi.
Presenza di rilievo anche quella del campione del mondo minicross Valerio Lata (KTM – Tuscia Racing), che l’anno scorso vinse il Supermarecross 85 e quest’anno si presenterà al via della classe 125. Nella ottavo di litro, però, il favorito è Pietro Razzini (Husqvarna – Fiamme Oro), fresco vincitore degli Internazionali d’Italia.

La spiaggia di Rosolina segnerà il ritorno di Kiara Fontanesi (Yamaha – Fiamme Oro), la regina del motocross mondiale, che nel 2019 aveva corso la sua ultima gara proprio nel Supermarecross, a Gabicce Mare, prima di interrompere l’attività per la gravidanza. Tra gli ospiti internazionali, è confermata la presenza in blocco del team Honda Assomotor, con i suoi tre piloti: il francese Stephen Rubini, lo svedese Alvin Ostlund e lo svizzero Luca Diserens. Altri sicuri protagonisti saranno Emilio Scuteri (KTM – Celestini), l’ex pluricampione del Supermarecross Antonio Mancuso (Honda – Lion Montegranaro) e il pilota di casa Ismaele Guarise (Honda – Fun Bike), tutti in gara nella Mx2. Nella Mx1, invece, si rivedrà in azione Simone Furlotti (Suzuki – Salsomaggiore), che cerca riscatto dopo un 2019 compromesso dagli infortuni.

Sulle dune sabbiose del Veneto saranno protagonisti anche i quad, per il loro campionato italiano Supermare quadcross. In pista tutti i migliori esponenti del mondo ATV nazionale, capitanati dal campione in carica Patrick Turrini (Yamaha – Gf Racer), che l’anno scorso si è aggiudicato sia il tricolore su sabbia che quello sulle piste tradizionali, affermandosi come la nuova, grande speranza del quadcross italiano. Tenterà di mettergli i bastoni tra le ruote il suo compagno di squadra, Paolo Galizzi (Yamaha – Gf Racer), che nel 2019 è stato secondo al campionato italiano quadcross.