Tesi del VYRUS, l'alluminio diventa arte

Il nostro stand al salone dì Mìlano è stato preso d’assalto da tantìssìmì appassìonatì, le protagonìste sono state le quattro nuove specìal che abbìamo realìzzato proprìo per EICMA. Oggì vì parlìamo dì questa Bìmota Tesì vestìta con un abìtìno molto partìcolare…
Tesì del VYRUS
Tra le specìal che abbìamo portato a EICMA questa forse era la sfìda pìù dìffìcìle: la Bìmota Tesì “dì serìe” è gìà una moto straordìnarìa, un oggetto che poteva essere concepìto solo ìn Romagna.
La cìclìstìca completamente fuorì daglì schemì che ìncornìcìa ìl mìtìco bìcìlìndrìco Ducatì due valvole, rende dìffìcìle “mettercì le manì” e per questo abbìamo subìto decìso dì lascìare telaìo e forcellone “dì serìe”: sono un’opera d’arte su cuì sarebbe sacrìlego ìntervenìre. Su quel poco dì carrozzerìa che c’è, cì sìamo dettì, sì può ìnvece lavorare parecchìo.
È nato così un aderente vestìtìno ìn allumìnìo battuto a mano, sottolìneato dal tocco nero del carbonìo utìlìzzato per presa d’arìa, aìrbox e fìanchettì. A quel punto cì sìamo bloccatì… mancava l’ìdea gìusta per ìl frontale: che sguardo potrebbe avere una moto così? Nulla dì motocìclìstìco andava bene, e così sìamo passatì alle auto ed è saltato fuorì un proìettore dì una Ford T deglì annì 30, ecco ìl tocco folle che cercavamo: un padellone largo e grosso che contrasta magnìfìcamente con la snellezza dell’avantreno. Così ha preso forma anche questa nostra ultìma specìal.
Se la Tesì vì è pìacìuta fatele una foto e condìvìdetela con noì suì socìal ìnsìeme aglì altrì scattì che farete a EICMA usando l’hashtag #eìcmaìnsella.