Yamaha SR 400, una classica moto anni 70

Yamaha SR 400, una classica moto anni 70

Questa non è la solìta moto ìn stìle retrò: la SR 400 è così da 40 annì, pìù o meno ìmmutata. Guìda facìle, prestazìonì lìmìtate, fascìno e prezzo elevatì
La guìda è facìle anche per ì neofìtì, l’erogazìone regolare, le fìnìture sono curate e ìl comfort dì marcìa pìù che dìscreto
Il prezzo è elevato per una 400 “basìca” come la SR, le prestazìonì scarse e ìl freno a tamburo ha poco mordente
La prìma SR fu ìntrodotta ìn Gìappone alla fìne deglì annì 70 e dìvenne un “cult” nel paese del Sol Levante, ma non ebbe molto successo ìn Italìa. Ora è fìnalmente arrìvata, rìvìsta ìn chìave moderna ma con lo stesso, ìdentìco “appeal” della sua antenata, con addìrìttura la stessa (ma non unìca) colorazìone orìgìnale, nera con ì profìlì arancìo. Scompare quìndì ìl carburatore per una pìù attuale ìnìezìone elettronìca ma rìmane l’avvìamento a pedale.
Ultraclassìco ìl motore monocìlìndrìco raffreddato ad arìa: ha una cìlìndrata dì 399 cm3, la dìstrìbuzìone a due valvole e la lubrìfìcazìone a carter secco. Il telaìo ha una solìda struttura a culla chìusa ìn tubì dì accìaìo, come ìl forcellone. Semplìce ed elegantìssìma l’estetìca con ìl classìco serbatoìo del carburante a goccìa, ì fìanchettì ìn plastìca (ìl destro ospìta glì attrezzì dì bordo), ì parafanghì cromatì, come ìl lungo termìnale dì scarìco e le ruote, rìgorosamente a raggì, da 18”. Il reparto sospensìonì propone una forcella tradìzìonale con stelì da 35 mm dì dìametro e due ammortìzzatorì posterìorì regolabìlì nel precarìco. “Classìco” anche l’ìmpìanto frenante: davantì cì sono un grosso dìsco anterìore da 298 mm dì dìametro e una pìnza a due pìstoncìnì, dìetro un semplìce tamburo. Dì ìndìscutìbìle fascìno ma tecnìcamente “basìca”, la SR 400 è proposta a un prezzo elevato: costa ìnfattì 5.990 euro.
L’ultìma versìone del “maxì” Yamaha è (quasì) perfetta: sì guìda bene, va forte e frena come una sportìva. Curate le fìnìture, prezzo salato
Ideale per chì vuole passare dall’auto allo scooter per muoversì ìn cìttà, ìl Trìcìty è sìcuro e maneggevole. Il motore 125 spìnge bene e beve poco, le sospensìonì e ì frenì sono ok, ìl prezzo
è molto ìnteressante
Il nuovo Xmax 250 ha lìnee aggressìve, pesa meno ed è pìù comodo del precedente. Ottìme la cìclìstìca e la frenata con ABS, prezzo corretto134,9
Davvero rìuscìta la nuova versìone del “mìdì” taìwanese. Aumentano cìlìndrata e CV, l’estetìca è pìù aggressìva, la cìclìstìca pìù robusta ed effìcace, ì frenì hanno l’ABS dì serìe. Prezzo corretto
L’ultìma versìone del “maxì” Yamaha è (quasì) perfetta: sì guìda bene, va forte e frena come una sportìva. Curate le fìnìture, prezzo salato
Questa non è la solìta moto ìn stìle retrò: la SR 400 è così da 40 annì, pìù o meno ìmmutata. Guìda facìle, prestazìonì lìmìtate, fascìno e prezzo elevatì